Max Verstappen più veloce nelle prime prove libere del Gran Premio d’Ungheria

Radio in diretta e commenti testuali per il Gran Premio d’Ungheria saranno disponibili sul sito web della BBC Sport

Max Verstappen della Red Bull ha guidato Valtteri Bottas e Lewis Hamilton della Mercedes nella sua prima sessione di prove libere al Gran Premio d’Ungheria.

Verstappen è stato di 0,061 secondi più veloce di Bottas, con Hamilton a 0,167 secondi dal suo sfidante per il titolo.

Carlos Sainz della Ferrari è stato il quarto pilota più veloce, davanti a Pierre Gasly e Fernando Alonso di Alpha Torri nelle Alpi, e la seconda Ferrari di Charles Leclerc.

Yuki Tsunoda di Alpha Tauri ha avuto un incidente alla curva 4 che ha provocato una bandiera rossa.

La curva, un braccio sinistro ad alta velocità sopra una collina, ha causato problemi anche ad Alonso, che stava andando in testacoda all’inizio della sessione, e al pilota Haas Mick Schumacher, che è scappato.

È la prima gara dopo la drammatica collisione tra Hamilton e Verstappen al Gran Premio di Gran Bretagna, che ha portato a cattivi rapporti tra i piloti e le loro squadre.

L’offerta della Red Bull di imporre una sanzione più dura a Hamilton per l’incidente è fallita giovedì quando la FIA ha respinto la sua offerta di una revisione dell’incidente.

Giovedì, Verstappen ha riportato la sua affermazione secondo cui Hamilton e Mercedes erano irrispettosi nel modo in cui ha celebrato la loro vittoria dopo la collisione, dopo di che Verstappen è stato portato in ospedale per i test.

Hamilton ha ribadito la sua convinzione di non aver fatto nulla di male e che avrebbe guidato di nuovo allo stesso modo.

Ha detto di aver telefonato a Verstappen nei giorni successivi alla gara “per controllare che stia bene e per fargli sapere che il rispetto c’è ancora. Ovviamente potrebbe non esserci stata reciprocità, ma va bene così”.

È difficile valutare la competitività dalle sessioni di prove libere, ma la corsa di Hamilton suggerisce che potrebbe aver terminato la sessione il più velocemente possibile.

Non era contento della sua macchina nel primo giro di volo con le gomme “morbide”. Ha stabilito il suo secondo tempo più veloce con lo stesso treno di gomme dopo aver regolato l’ala anteriore per aggiungere carico aerodinamico, quando le gomme avevano superato il loro picco.

Il divario tra i primi tre e il resto suggerisce che Mercedes e Red Bull torneranno ancora una volta a un campionato a parte.

Alcuni si aspettavano che la Ferrari fosse competitiva dopo la forte prestazione di Monaco, ma Sainz era a 0,560 secondi dal ritmo, suggerendo che la previsione pre-evento della squadra italiana secondo cui avrebbe potuto primeggiare a centrocampo, ma non sfidare i primi due, potrebbe essere stata accurata.

Dietro a Leclerc, Sergio Perez della Red Bull ha concluso ottavo, a 0,911 secondi dal ritmo del compagno di squadra, davanti a Lando Norris della McLaren e Lance Stroll dell’Aston Martin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *