Mattia Binotto punta alle vittorie della Ferrari nella stagione 2022 di F1

Mattia Binotto afferma che la Ferrari dovrebbe tornare a essere una forza vincente nel 2022, dopo essere tornata ai vertici della Formula 1.

La Scuderia è scivolata giù dalla montagna al sesto posto nel Campionato Costruttori 2020 dopo che la FIA ha chiarito che c’era qualcosa nel suo motore 2019 – che ha spinto la Ferrari a tre vittorie consecutive quell’anno – non erano d’accordo.

Anche se i colossi italiani non torneranno sul gradino più alto del podio nel 2021, hanno sicuramente visto dei momenti positivi. Charles Leclerc Ha segnato pole position consecutive all’inizio dell’estate, mentre un rally di fine stagione ha visto la Ferrari superare la McLaren per finire al terzo posto in classifica.

Il miglioramento dell’autunno è in gran parte dovuto a un aggiornamento del motore che dovrebbe arrivare nel 2022, quando i nuovi regolamenti dello sport sono intesi anche come un reset competitivo.

Oltre ai progressi mostrati dal conducente Carlos Sainz Nel suo primo anno al fianco di Leclerc, il boss della Ferrari Binotto era convinto che il prossimo passo dovesse essere quello di tornare a vincere.

“L’anno prossimo dobbiamo fare meglio e dimostrare che possiamo vincere alcune gare”, ha detto Binotto, citando la versione italiana per Motorsport.com.

“Non abbiamo vinto nulla quest’anno. Nel 2022, per essere un mezzo competitivo in alcuni Gran Premi, dovremo competere per il primo posto”.

Binotto è meno ottimista sulla possibilità di combattere con Mercedes e Red Bull per tutta la stagione, tuttavia, nonostante il processo di compromesso che la Formula 1 sta cercando di portare con i nuovi regolamenti.

READ  L'"incredibile" interazione del principe William con Sancho e Rashford dopo la finale di Euro 2020

E Binotto ha aggiunto: “Difficile dirlo adesso, perché siamo partiti tutti da un foglio bianco e stiamo lavorando… alla cieca”. “Non sappiamo cosa fanno gli altri, dobbiamo guardare a noi stessi.

“Secondo me, la squadra sta facendo bene, ma sappiamo anche che gli altri sono molto forti: se possono fare macchine che sono state fantastiche in pista, sono sicuramente squadre molto forti.

“Da parte nostra, stiamo facendo del nostro meglio. Nel 2022 stiamo dando priorità perché sappiamo che c’è ancora qualcosa da recuperare.

“Sinceramente non mi sento ancora al top perché i fatti hanno dimostrato che loro (Mercedes e Red Bull) sono molto forti, ma la speranza è di costruire sulla continua crescita della squadra che vedo unita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *