Matilda de Angelis non vuole svelare tutti i suoi trucchi

Attualmente sta girando la sua prossima serie Netflix “Lidia” sulla prima avvocato donna italiana, Lidia Poët, il suo agente Gianni Chevy si è unito all’attrice Matilda de Angelis per una conferenza al Torino Film Festival.

“Quando abbiamo deciso di aprire la nostra agenzia nel 2014, Matilda è stata la prima persona che abbiamo incontrato. Stava per iniziare il suo viaggio cinematografico e se non l’avessi incontrata, non sarei qui. Questa è la verità”, ha detto Chevy, che ha co-fondato Volver insieme a Consuelo De Andres. Dopo aver ricevuto il David di Donatello nel 2021 per il dramma Netflix “Rose Island”, De Angelis ha ringraziato entrambi e li ha chiamati “i suoi angeli”.

Nata nel 1995 a Bologna, l’attrice si è imposta a livello internazionale in The Undoing diretto da Susanne Peier, al fianco di Nicole Kidman e Hugh Grant.

“Come clienti, siamo noi che guidiamo e loro sono i passeggeri, ma alla fine arriva il momento che permette loro di guidare”, ha detto Chevy, definendo The Undoing un’epifania professionale di De Angelis. Ha aggiunto: “Un produttore una volta mi ha detto: ‘La fortuna è quando il talento incontra l’opportunità'”.

De Angelis ha ammesso che quando si è trasferita per la prima volta a Roma, quando era ancora un’adolescente, era “arrabbiata con il mondo”, dopo nuove audizioni per il suo primo film “Italian Race”, diretto da Matteo Roveri.

“Mi sentivo ‘fuori’ dalla mia vita. Un regista entra e dice: ‘Sei l’attrice protagonista del mio nuovo film’. Ma non hai mai studiato recitazione, non aspettartelo. Sono un po’ una perfezionista, che significa che non mi piace fare cose che non sono pronta a fare. Inoltre. “Avevo paura. Quando ho incontrato Gianni, ero arrabbiata perché avevo paura. Ha capito che non ero un’attrice. Ho era anche un essere umano”.

READ  Il Partito Laburista sostiene che circa 5.000 case inutilizzate potrebbero essere messe a disposizione delle vittime delle inondazioni

È stata incoraggiata la discussione sulle differenze tra le riprese in Italia e all’estero (“Ce n’è una: il budget. Più soldi, più tempo hai. Una scena di una produzione italiana, anche se grande, si gira in un giorno, in America si gira in tre giorni”. Tutto il resto è uguale”, ha anche notato De Angelis che, come attore, è una buona idea mantenere alcuni segreti.

“Il cinema costruisce mondi immaginari in modo che le persone possano sognare. Penso che l’attore abbia bisogno di mantenere l’intimità per non rivelare tutti i trucchi. Ma i tempi sono cambiati: la divisione tra ciò che è privato e ciò che è pubblico sta diventando sempre più ambigua. Alcuni attori esporsi di più come questo strumento di empatia, per sensibilizzare i soggetti a loro più vicini. Cerco di bilanciare questi due aspetti.”

Nonostante le sue responsabilità, a volte si sente ancora “troppo”, ha detto, ammettendo di aver recentemente deciso di fare la terapia.

“A un certo punto, mi sono reso conto che ero più crudele con me stesso che con chiunque altro. Prima di tutto, devi lavorare su te stesso. Inoltre, l’unico giudizio che conta è il giudizio delle persone che ti amano. È un frenetico lavoro e non ti lascia molto tempo per pensare. In te stesso, e quello che vuoi. Ma quando ti togli il trucco, ti guardi allo specchio e chiedi: “Senza tutto questo, chi sono veramente?”, lei disse.

“Non so se riuscirò a mantenere questo ritmo per tutta la vita. Stare davanti alla telecamera, fare interviste, condividere una parte di me con persone che nemmeno conosco. Ho tante aspirazioni , quindi non posso dire se sarò un’attrice per tutta la vita”.

READ  La regista di "Vinyl" Sarah Sugarman proietterà "Midas Man" per i Beatles

DeAngelis, che ha iniziato come cantante, non sente di aver ancora rinunciato alla sua carriera musicale, anche se negli ultimi due anni ha dato la priorità alla recitazione.

“Nella vita ci sono fasi e priorità diverse. Non ho rinunciato a nulla per il gusto della recitazione, è una scelta e continuo a prendere le mie decisioni ogni giorno. Posso anche prendermi una pausa e concentrarmi sulla musica o sulla scultura, o fare escursioni in montagna”, ha detto, osservando che “porta molta follia” nel settore.

“Tutti quelli che lavorano con me sul set sono pazzi; lo siamo tutti. Sono disposto a rinunciare a tutta la mia vita per la durata di questa serie? Sì, lo sono. Per questo film? Sì. Sono disposto a lavorare 13 ore al giorno Sì. Dopo ho iniziato in piccolo, ho perso un po’ di cose e ora sto cercando di raccogliere i cocci. Ma faccio ancora queste scelte, ogni giorno, proprio perché sono pazzo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *