Mario Draghi annuncia una controrivoluzione ma non può salvare l’Italia

Tuttavia, il signor Draghi alla fine fallì. Il danno da ritiro era molto profondo. L’allentamento quantitativo è arrivato troppo tardi per evitare di passare al Giappone. Le sue politiche hanno reso il “ciclo del destino” della banca sovrana peggiore che mai.

Quello che è riuscito a fare è stato spingere la Germania nelle profondità della Carta Faustiana. L’effetto collaterale del quantitative easing è stato il massiccio squilibrio nel sistema di pagamento Target2 della Banca centrale europea. Le banche centrali meridionali hanno accumulato impegni per mille miliardi di euro nei confronti del sistema della Banca centrale europea, implicitamente nei confronti della banca centrale tedesca. Si potrebbe sostenere che la Germania è ora così profonda, che non potrà mai staccare la spina.

Supponendo che Draghi sia in grado di formare un governo, deve affrontare un compito in salita. La pandemia ha aumentato il rapporto debito / PIL dell’Italia di 33 punti al 160% del PIL da marzo e il virus deve ancora essere sconfitto. I problemi dei vaccini in Europa hanno spinto la ripresa per altri tre mesi. L’Italia potrebbe perdere la prima metà della stagione turistica di quest’anno rispetto al massimo dello scorso anno. Più a lungo va avanti, maggiore è la successiva sequenza di fallimenti.

Il fondo di recupero da 750 miliardi di euro è stato venduto in eccesso dai leader italiani. L’idea che miliardi affluiranno presto è propaganda. Claudio Borghi, capo del Comitato Bilancio della Liga, ha detto che il fondo di recupero non cambierà nulla.

Il trasferimento fiscale netto in Italia ammonta allo 0,7% del PIL all’anno su tre anni. È una spinta modesta per l’ago macroeconomico.

READ  Le azioni globali salgono su forti guadagni e guadagni di petrolio | Reuters | Attività commerciale

“Non lo consideriamo un accordo storico che preannuncia il ristabilimento dell’Unione Europea o dell’Eurozona”, ha detto Arno Maris di Citigroup, ex braccio destro di Draghi alla Banca Centrale Europea. “Invece di” cambiare le regole del gioco “, lo vediamo come un altro esempio dello stesso” gioco “che ha prevalso nell’ultimo decennio durante il regno di Angela Merkel. Quando la coesione dell’Europa deve affrontare un pericolo chiaro e presente, i governi europei concordano alla minima dimostrazione di unità per preservare i rischi di divisione.

Quello che Draghi può fare è dare credito ai piani di spesa italiani. Rende più facile per il blocco tedesco accettare in seguito un fondo di recupero più ampio. Potrebbe attivare il meccanismo di salvataggio dell’Unione europea (ESM) per i prestiti precauzionali, creando una riserva di sicurezza aggiuntiva per il giorno in cui la Banca centrale europea dovrà smettere di acquistare il debito italiano.

Ma tutto questo fa guadagnare solo tempo. Gli strumenti tecnici non possono salvare l’Italia da un cattivo equilibrio, risultato di un quarto di secolo con un cambio sbagliato.

Il governo di Draghi probabilmente cadrà nel giro di pochi mesi. Se sopravvive, ci saranno le elezioni tra due anni e la destra euroscettica probabilmente vincerà. Se trattenuto più a lungo, Jabal al-Din getta un’ombra enorme.

L’uomo che ha trascorso la sua vita pubblica cercando di portare l’Italia nella zona euro, e di mantenerla lì, potrebbe diventare l’uomo che dovrebbe sorvegliare l’uscita lassista. Sarebbe perfetto per il lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *