Mario Draghi accetta il mandato di formare un nuovo governo italiano | Italia

Mario Draghi, l’ex presidente della Banca centrale europea, ha approvato un mandato per cercare di formare un nuovo governo italiano mentre il Paese cerca una via d’uscita dalla crisi politica provocata dal crollo della sua ultima alleanza.

Draghi, soprannominato “Super Mario” per il suo ruolo nel salvare la moneta unica europea, dovrà raccogliere sostegno in Parlamento per costruire la rapida amministrazione tecnica necessaria per gestire la pandemia di coronavirus e rilanciare la sua economia in difficoltà.

Draghi è stato convocato mercoledì per incontrare il presidente italiano Sergio Mattarella dopo che i partner della coalizione di governo non sono riusciti a formare la maggioranza dopo che Giuseppe Conte si è dimesso da primo ministro la scorsa settimana.

“Ringrazio il presidente della repubblica per la fiducia che ha riposto in me”, ha detto Draghi in un breve discorso al termine della riunione. Superare l’epidemia, completare la campagna vaccinale, rispondere ai bisogni dei cittadini e rilanciare il Paese sono le nostre sfide. Abbiamo risorse eccezionali provenienti dall’Unione Europea e possiamo fare molto per il futuro del Paese “.

L’Italia si prepara a ricevere più di 200 miliardi di euro dal fondo di recupero dell’Unione Europea, la quota maggiore tra gli stati membri.

Mercoledì la Borsa di Milano ha guadagnato nelle prime contrattazioni dopo che era stata confermata la notizia dell’incontro tra Mattarella e Draghi la sera prima. Mattarella ha escluso la convocazione di elezioni anticipate, aggiungendo che era necessario un governo tecnico “di alto livello” per guidare il Paese.

La crisi è scoppiata quando l’ex premier Matteo Renzi Il suo junior party ha ritirato Italia Viva Della maggioranza al potere a gennaio a causa degli scontri sulla gestione della pandemia da parte del governo e sul piano di spesa per il denaro del Recovery Fund. Renzi, il cui partito non ha sostenuto la formazione di una nuova maggioranza sotto Conte, ha più volte suggerito che Draghi è la persona ideale per guidare un nuovo governo.

READ  Trump 'prevede di tornare al 2024 con un vicepresidente o vicepresidente nero'

“È tempo di sobrietà”, ha scritto su Facebook. “Niente più discussioni. Viva l’Italia.”

Mercoledì, Draghi si è detto fiducioso della “nascita dell’unità” dal dialogo con i partiti politici e i gruppi parlamentari. Tuttavia, non è chiaro se otterrà l’ampio sostegno richiesto dalle forze politiche.

Il Movimento Cinque Stelle (M5S), il più grande partito in Parlamento, ha detto che non sosterrà un’amministrazione tecnica guidata da Draghi, sostenendo che il governo politico è l’unica soluzione. Il partito populista è emerso come una forza potente in parte come reazione all’ultimo governo tecnocratico italiano.

Nicola Zingaretti, leader del Partito Democratico di centrosinistra, ha detto che incontrerà i leader del M5S, Free and Equal, un piccolo gruppo di sinistra nella coalizione. “La nomina di Draghi apre una nuova tappa che può portare il Paese fuori dall’incertezza creata da una crisi irresponsabile e assurda”, ha detto.

Matteo Salvini, leader del partito di opposizione Lega di estrema destra, e Georgia Meloni, a capo della confraternita più piccola di estrema destra in Italia, hanno ripetuto le richieste di elezioni anticipate. Salvini, parlando a nome dei due partiti e del conservatore Forza Italia che ha aderito all’alleanza, ha detto che i tre non avrebbero alcun pregiudizio nei loro incontri con Draghi e presenteranno proposte politiche prima che venga presa una decisione su cosa fare in Parlamento.

“Vogliamo vedere un serio taglio alle tasse e un piano burocratico, piani per le scuole, progetti che aprono le loro porte – e chiaramente un potenziale voto”, ha scritto su Twitter.

Il leader di Forza Italia ed ex Primo Ministro Silvio Berlusconi sembra sostenere separatamente il piano, citando il suo “apprezzamento di lunga data” per Draghi.

READ  Indonesia: quasi 200 passeggeri e membri dell'equipaggio salvati dal mare dopo l'incendio di un traghetto notizie dal mondo

L’ultima volta che un tecnocrate è stato nominato in Italia è stato nel 2011, quando a Mario Monti è stato affidato il compito di guidare il paese fuori da una grave crisi del debito che ha portato alle dimissioni di Berlusconi.

Il giornalista della Stampa Massimo Giannini ha scritto mercoledì che la nomina di Draghi è “l’unica speranza” per l’Italia. “Possiamo solo sperare che funzioni”, ha aggiunto. “Perché è l’ultima speranza che dobbiamo garantire un futuro migliore ai nostri figli. Non vogliamo nemmeno immaginare che le parti, dopo l’imbarazzo fino ad ora, possano ancora sottrarsi alle loro responsabilità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *