Marines italiani: venerdì SC sente l’appello del CENTER per chiudere i casi contro i Marines italiani che hanno ucciso pescatori indiani

Mercoledì, la Corte Suprema ha accettato di ascoltare l’appello del 9 aprile del centro che cerca di archiviare i casi contro due marines italiani accusati di aver ucciso due pescatori indiani al largo delle coste del Kerala nel febbraio 2012. Il centro ha detto alla Corte Suprema di aver contattato le famiglie delle vittime. Membri e compensi loro dovuti.

Avvocato generale Tushar Mehta, presidente della Corte suprema SA Bobdi e giudici AS Bhubana W. Ramasubramanian, che ha menzionato l’ordine di inclusione urgente, ha detto che l’ultima volta il tribunale ha chiesto al centro di contattare la famiglia della vittima.

“Sono stati contattati e hanno ricevuto il risarcimento dovuto. Sono qui anche loro”, ha detto Mehta.

Poi il tribunale ha detto che avrebbe esaminato la questione per un’ulteriore udienza la prossima settimana.

Mehta ha chiesto alla corte di esaminare la questione venerdì, dicendo: “C’è una certa urgenza perché la questione è tra il governo indiano e quello italiano”.

Poi il consiglio ha detto “OK” e ha accettato di ascoltare la petizione venerdì.

Il 7 agosto dello scorso anno, la Corte Suprema ha chiarito al centro che non avrebbe emesso alcuna ordinanza in merito alla petizione volta a chiudere i casi contro due marines italiani accusati di aver ucciso due pescatori indiani, senza sentire le famiglie delle vittime, che dovrebbe ricevere una compensazione adeguata.

Ha chiesto al centro di rendere partecipi i familiari delle vittime del suo appello cercando di chiudere il caso dei Marines italiani.

Il centro aveva informato la Corte Suprema che l’Italia aveva assicurato al governo indiano che avrebbe citato in giudizio i Marines in conformità con la legge e che sarebbe stato garantito il massimo risarcimento ai familiari delle vittime.

READ  L'Italia ordina un'indagine sul procuratore per corruzione di Eni Shell in Nigeria

La Corte Suprema ha affermato di apprezzare i passi compiuti dall’Italia per perseguire questi marines, ma la corte si è preoccupata di un adeguato risarcimento per i parenti delle vittime.

Facendo riferimento al caso contro i Marines davanti alla Corte speciale, la Corte suprema ha affermato che senza presentare una richiesta di ritiro della causa, come potrebbe affrontarla il centro e cercare di chiudere il caso.

Il centro aveva fatto riferimento alla sentenza dello scorso anno della Corte permanente di arbitrato (PCA) dell’Aia che stabiliva che l’India ha diritto a un risarcimento nel caso ma non può perseguire i Marines a causa della loro immunità formale.

Il 3 luglio dello scorso anno, il centro ha deferito la Corte Suprema per richiedere la chiusura del procedimento giudiziario contro i Marines italiani.

Nel febbraio 2012, l’India ha accusato due marines italiani, Salvatore Gironi e Massimiliano Lattori, sulla petroliera MV Enrica Lexi – una petroliera italiana – di aver ucciso due pescatori indiani che si trovavano su un peschereccio nella zona economica esclusiva (ZEE) dell’India. ).

Il centro ha affermato che l’arbitrato ai sensi della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS), istituito su richiesta dell’Italia, ha emesso la sentenza il 21 maggio 2020.

Ha affermato che il tribunale ha confermato la condotta delle autorità indiane in relazione all’incidente e ha evidenziato i danni materiali e morali inflitti ai pescatori indiani a bordo del Saint Anthony il 15 febbraio 2012.

La richiesta affermava che “le azioni dei Marines italiani violavano la libertà e il diritto alla navigazione dell’India ai sensi dell’articolo 87 (1) (a) e 90 della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare”, aggiungendo che la corte ha osservato, in linea di principio , India e Italia avevano giurisdizione concorrente sull’incidente e una base legale valida per intentare una causa penale contro i Marines.

READ  Italia: una società italiana su dieci è guidata da immigrati

Ha detto che il tribunale ha preso atto dell’impegno espresso dall’Italia a riprendere le indagini penali sugli eventi del 15 febbraio 2012 e ha deciso che l’India dovrebbe prendere le misure necessarie per interrompere l’esercizio della sua giurisdizione penale sui Marines.

Latorre, colpito da ictus il 31 agosto 2014, è stato rilasciato per la prima volta su cauzione e il 12 settembre 2014 la Suprema Corte gli ha concesso di recarsi in Italia per un periodo di quattro mesi, al termine dei quali è stata prolungata la sua permanenza.

In Italia Latorre ha dovuto subire un intervento al cuore, dopodiché la Corte di Cassazione gli ha concesso una proroga della residenza nel suo Paese di origine.

Il 28 settembre 2016, la Corte Suprema ha consentito a Latorre di rimanere nel suo paese fino a quando il tribunale arbitrale internazionale non ha deciso la questione della giurisdizione.

Il 26 maggio 2016, Geroni è stato anche rilasciato su cauzione sulla libertà condizionale e la Corte Suprema gli ha permesso di tornare a casa fino alla decisione del caso giudiziario.

Freddy, il proprietario del peschereccio “Sant’Antonio”, ha fatto uccidere due pescatori del Kerala quando i Marines hanno aperto il fuoco su di loro, sostenendo un malinteso che fossero pirati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *