Maria Alyokina delle Pussy Riot fugge dalla Russia vestita da buongustaio dopo aver criticato Putin | notizie dal mondo

Si dice che un attivista politico e membro della band russa Pussy Riot sia fuggito dal paese travestito da buongustaio dopo aver criticato Vladimir Putin.

Maria Alyokina e i suoi compagni membri della band sono giunti all’attenzione delle autorità russe per la prima volta dopo aver organizzato una protesta contro Presidente russo All’interno della Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca nel 2012.

Nonostante sia stato condannato a due anni di carcere per il suo attivismo, il gruppo ha continuato a parlare contro il leader del Cremlino, con Alyokhina che è rimasta determinata a combattere il regime di Putin.

Difese aeree russe colpite dai droni Bayraktar – Aggiornamenti in tempo reale sulla guerra in Ucraina

Dopo il suo rilascio dalla prigione, ha continuato il suo attivismo e ha creato una testata giornalistica incentrata sul crimine e sulla punizione Russiachiamato Medizona con un altro membro della band.

Ad aprile, le autorità russe l’hanno posta agli arresti domiciliari mentre cercavano di fermare coloro che nel paese si opponevano alla loro invasione dell’Ucraina.

Ha poi ordinato al 33enne di trascorrere 21 giorni in una colonia penale.

Tuttavia, il caposquadra è riuscito a sfuggire alla polizia di Mosca fingendosi un corriere di cibo e lasciando il suo telefono come esca.

Poi è riuscita ad attraversare la Lituania dopo aver cercato l’aiuto di un artista islandese e aver ottenuto i suoi documenti di viaggio.

Leggi di più:
Biden teme che Putin non abbia una strategia di uscita dall’Ucraina
L’esperto di linguaggio del corpo fornisce una valutazione del comportamento di Putin

foto:
Nel 2012, Pussy Riot ha organizzato una protesta in una cattedrale di Mosca

Paragonando la sua storia a un “romanzo di spionaggio”, la signora Alyokhina ha detto al New York Times: “Sono stata contenta di averlo fatto, perché è stato un bacio così grande e inaspettato per le autorità russe.

READ  La rissa è scoppiata dopo che un prete cattolico ha ordinato a un uomo mascherato di lasciare la chiesa

“Non ho ancora capito bene cosa ho fatto.”

Iscriviti al diario di guerra in Ucraina su Podcast di AppleE google podcastE spotify E oratore

“Penso che la Russia non abbia più il diritto di esistere”, ha aggiunto Alyokhina.

“Anche prima c’erano domande su come standardizzare, quali valori standardizzare e dove andare. Ma ora non penso che sia più una domanda”.

Nel 2019, compagno di band Nadia Tolkonikova ha parlato a Sky News del suo tempo in un campo di concentramento e proteste in Russia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *