Mappatura delle vaste reti mondiali di funghi sotterranei per la prima volta | fungo

Per la prima volta verranno mappate vaste reti di funghi sotterranei – il “sistema circolatorio del pianeta” – nel tentativo di proteggerli dai danni e migliorare la loro capacità di assorbire e immagazzinare anidride carbonica.

I funghi usano il carbonio per costruire reti nel suolo, che si collegano alle radici delle piante e fungono da “autostrade” per i nutrienti, scambiando carbonio dalle radici delle piante per ottenere nutrienti. Ad esempio, è noto che alcuni funghi forniscono alle piante ospiti l’80% di fosforo.

Le reti fungine sotterranee possono estendersi per molte miglia, ma sono raramente osservate, anche se si ritiene che ne esistano migliaia di miliardi in tutto il mondo. Questi funghi sono vitali per Biodiversità del suolo e la fertilità del suolo, ma si sa poco al riguardo.

Si pensa che molti hotspot fungini siano a rischio, a causa dell’espansione dell’agricoltura, dell’urbanizzazione, dell’inquinamento, della scarsità d’acqua e dei cambiamenti climatici.

Il nuovo progetto, della Society for the Protection of Underground Networks (SPUN), prevede la raccolta di 10.000 campioni in tutto il mondo, da hotspot identificati attraverso la tecnologia dell’intelligenza artificiale.

“Comprendere le reti fungine sotterranee è essenziale per i nostri sforzi per proteggere il suolo, da cui dipende la vita, prima che sia troppo tardi”, ha affermato l’avvocato ambientalista Jane Goodall, che sta consigliando il progetto.

L’Associazione per la protezione della rete sotterranea comprende scienziati provenienti da Paesi Bassi, Canada, Stati Uniti, Francia, Germania e dall’Università di Manchester nel Regno Unito.

Le prime raccolte del prossimo anno si svolgeranno in Patagonia, e dureranno circa 18 mesi, per creare mappe di potenziali funghi micorrizici sotterranei che possono essere utilizzate per ulteriori ricerche. Utilizzando le mappe, gli scienziati sperano di identificare gli ecosistemi che affrontano le minacce più pressanti e di collaborare con le organizzazioni di conservazione locali per cercare di creare “corridoi di protezione” per gli ecosistemi sotterranei.

READ  Almeno quattro morti negli uragani che hanno travolto il Midwest degli Stati Uniti

Si ritiene che questo sia il primo grande sforzo per mappare un ecosistema sotterraneo in questo modo. La climatologia si è concentrata sugli ecosistemi fuori terra e, sebbene sappiamo che i funghi sono essenziali Struttura del suolo e fertilità, e il Il ciclo globale del carbonio Poiché è stato dimostrato che gli ecosistemi con fiorenti reti di micorrize immagazzinano otto volte più carbonio degli ecosistemi senza tali reti, gran parte del ruolo dei funghi nel ciclo dei nutrienti del suolo rimane oscuro.

Segno di spunta“Le reti fungine supportano la vita sulla Terra. Se gli alberi sono i ‘polmoni’ del pianeta, le reti fungine sono ‘sistemi circolatori'”, ha affermato l’ex CEO di Nature Conservancy e membro dell’organo di governo SPUN. “Queste reti sono in gran parte inesplorato».

I funghi micorrizici creano composti organici solidi che forniscono struttura al suolo e immagazzinano carbonio nella loro massa necrotica, le reti che non sono più attive, ma rimangono intessute nel terreno.

Gli scienziati hanno avvertito che la moderna agricoltura industriale sta aggiungendo enormi quantità di fertilizzanti chimici che interrompono le dinamiche di scambio tra piante e funghi. Senza reti fungine fiorenti, le colture richiedono più input chimici e sono più suscettibili alla siccità, all’erosione del suolo, ai parassiti e agli agenti patogeni. Inoltre, la lavorazione meccanizzata nell’agricoltura moderna è dannosa per l’integrità fisica delle reti fungine.

Ci sono anche prove crescenti che alcuni gruppi di funghi possono aumentare la produttività più di altri, quindi proteggere questi funghi è fondamentale, secondo gli scienziati del suolo.

Dieci punti caldi sono stati identificati dagli scienziati coinvolti, tra cui: la tundra canadese; Alte altitudini dell’altopiano messicano in Sud America; Marocco; deserto occidentale; Israele deserto del Negev. le steppe del Kazakistan, le praterie e gli altipiani del Tibet; La taiga russa.

READ  L'Australia invia polizia e truppe a Honiara mentre continuano le violente proteste nelle Isole Salomone | Isole Salomone

Sotto i nostri piedi c’è un prezioso alleato nella mitigazione del cambiamento climatico: vaste reti fungine nascoste. Miliardi di tonnellate di anidride carbonica scorrono ogni anno. Dalle piante alle reti fungine. Tuttavia, questi pozzi di carbonio sono poco conosciuti. Lavorando per mappare e sfruttare questo minacciato e risorsa vitale per la vita sulla Terra, SPUN sta aprendo la strada a un nuovo capitolo nella conservazione globale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *