Malala Yousafzai si dice “molto preoccupata per le donne e le minoranze” in Afghanistan

Ore dopo che i talebani hanno preso il controllo dell’Afghanistan con una velocità senza precedenti, l’attivista per l’istruzione Malala Yousafzai ha espresso shock e preoccupazione per le donne e le minoranze nella regione instabile.

Il premio Nobel ha anche chiesto un’azione da parte delle agenzie globali per proteggere i rifugiati e i civili.

Osserviamo completamente scioccati mentre i talebani conquistano l’Afghanistan. Lo scrive su Twitter l’attivista 24enne.

“I poteri globali, regionali e locali dovrebbero chiedere un cessate il fuoco immediato, aiuti umanitari urgenti e protezione dei rifugiati e dei civili”, ha aggiunto l’attivista pakistano in un appello all’azione.

Nel 2012, la quindicenne Malala è stata uccisa da un sicario talebano che si oppose fermamente al suo attivismo vocale riguardo all’istruzione delle donne. Malala stava tornando a casa da un esame quando le hanno sparato alla testa. Successivamente è stata trasferita al Queen Elizabeth Hospital nel Regno Unito.

Le nazioni hanno assistito scioccate al crollo dell’Afghanistan guidato dal presidente Ashraf Ghani nelle ultime 120 ore, con la drammatica cattura della capitale, Kabul, da parte di militanti talebani. Ghani ha lasciato l’Afghanistan domenica pomeriggio, pochi istanti prima che i talebani dichiarassero il pieno controllo della regione.

Le foto a tarda notte dall’aeroporto internazionale dell’Afghanistan hanno mostrato il caos sull’asfalto affollato mentre i cittadini si arrampicavano sugli aerei e lasciavano il paese mentre i talebani dichiaravano il loro fermo controllo dal palazzo presidenziale a Kabul. Seduti sulla sedia del palazzo, i funzionari talebani hanno proclamato l’Emirato islamico dell’Afghanistan, il nome utilizzato dall’organizzazione militante prima dell’acquisizione degli Stati Uniti, secondo quanto riportato dall’Associated Press (AP).

Nelle ultime 24-48 ore, i paesi occidentali si sono affrettati a evacuare i propri cittadini dalle ambasciate mentre le immagini cupe mostravano elicotteri che volavano dall’ambasciata degli Stati Uniti all’aeroporto. Il fumo è uscito dal tetto dell’edificio dell’ambasciata dove i diplomatici hanno dato fuoco a materiali sensibili.

READ  Biden ospita la prima conferenza stampa sotto la pressione dell'immigrazione, Guns - Live | Notizie dagli Stati Uniti

I talebani hanno continuato a portare avanti una transizione pacifica di potere e un’amnistia per coloro che hanno lavorato con paesi stranieri o con il governo afghano. Tuttavia, il gruppo è noto per le politiche intransigenti – in particolare contro donne e bambini – che ha applicato prima che le forze statunitensi li costringessero ad andarsene 20 anni fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *