Mahmoud Hussein: L’Egitto rilascerà il giornalista di Al-Jazeera dopo quattro anni, il suo avvocato | notizie dal mondo

L’Egitto ha rilasciato il giornalista di Al-Jazeera Mahmoud Hussein dopo quattro anni di detenzione preventiva, ha detto suo fratello e il suo avvocato.

Hussein è stato arrestato al Cairo il 23 dicembre 2016 dopo essere arrivato da Doha, la capitale del Qatar, per una vacanza.

Era detenuto con l’accusa di aver diffuso notizie false, di essersi unito a un gruppo bandito e di aver ricevuto denaro straniero.

Al-Jazeera ha detto che il 54enne, padre di nove figli, è stato interrogato per più di 15 ore senza la presenza di un avvocato, prima di essere rilasciato e arrestato di nuovo giorni dopo.

La rete ha aggiunto che nessuna accusa ufficiale è stata mossa contro il cittadino egiziano.

Al-Jazeera ha detto che la detenzione di Hussein è stata estesa più di 12 volte, aggiungendo che è stato tenuto per lunghi periodi in isolamento.

Il suo rilascio è avvenuto dopo che l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti, il Bahrein e l’Egitto hanno deciso di tornare il mese scorso
Rapporti diplomatici, commerciali e di viaggio con il Qatar.

I legami sono stati tagliati nel 2017 per le accuse secondo cui il Qatar sostiene il terrorismo, un’accusa che Doha nega.

Il fratello di Hussein Najeh e l’avvocato Taher Abu al-Nasr hanno detto che un tribunale del Cairo ha ordinato il suo rilascio il 1 ° febbraio, con “misure precauzionali”.

Non è stato immediatamente chiaro quali fossero le condizioni per il rilascio, ma Najeh Hussein ha detto che suo fratello potrebbe dover trascorrere diverse ore, ogni martedì e sabato, in una stazione di polizia.

Al-Zahraa, la figlia del signor Hussein, avrebbe pubblicato un messaggio su Facebook dicendo: “Grazie a Dio, la decisione di rilasciare Baba è stata implementata. Oggi Baba è a casa sua. Grazie a Dio”.

READ  Joe Biden "sembra peggiorare", riferendosi a Kamala Harris come presidente | Il mondo | notizia

Il direttore generale ad interim di Al-Jazeera, Mustafa Sawaj, ha affermato che il rilascio del suo collega è stato “un momento di verità e una pietra miliare verso la libertà di stampa”.

Ha continuato, “Al-Jazeera Media Network accoglie con favore la notizia della libertà di Mahmoud e ritiene che sia assolutamente inammissibile per qualsiasi giornalista essere sottoposto a ciò che Mahmoud ha sofferto negli ultimi quattro anni solo perché ha esercitato la sua professione”.

Oggi siamo lieti che si sia finalmente ricongiunto alla sua famiglia, dopo essere stato privato di quattro anni della sua vita e privato dei suoi diritti fondamentali.

Auguriamo a Mahmoud una pronta guarigione e speriamo che sia in grado di superare questa prova passata e iniziare un nuovo capitolo della sua illustre carriera.

“Il giornalismo non è un crimine”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *