Made in Italy – cinema, film, rassegna cinematografica

Il noioso e generico film “Made in Italy” potrebbe essere facile da guardare, ma semplicemente non è un bel film

Nel disperato tentativo di acquistare la galleria d’arte venduta dalla sua ex moglie, Jack Foster (Michael Richardson) torna a malincuore a chiamare il padre estraneo, Robert (Liam Neeson). Hanno ereditato una villa in Italia dopo la morte della moglie di Robert e della madre di Jack, così si sono recati in Toscana per sistemare il posto prima di venderlo. Ma la casa è seriamente esausta ei ragazzi dovranno lavorare sodo per sistemare il luogo e il loro rapporto.

L’idea di avere un padre e un figlio nella vita reale che interpretano padre e figlio in un film potrebbe sembrare una buona cosa sulla carta (ti stiamo guardando, Will Smith). Ma implementare questo funziona solo quando i coniugi sono ugualmente identici. Neeson sta semplicemente recitando Michel fuori dallo schermo, e non aiuta il fatto che interpreti un ruolo più interessante di Jack Vanilla.

Robert è un giocatore, poiché la scena introduttiva vede una donna lasciare la sua casa. Come un tipico padre, tiene lezioni a suo figlio mentre è pieno di importanza personale. È anche affascinante e divertente in quanto il film manca di molto umorismo (in tutta onestà, c’è una scena divertente con l’attrice irlandese Eileen Walsh, mentre interpreta una donna di tipo hippie con alcuni personaggi fantastici).

Le commedie sono sciocche e basate su schiaffi, inclusa una scena in cui cercano di portare un animale selvatico fuori di casa. Poi c’è l’adattamento al nuovo paese, la lingua e la cucina, la dolce ragazza locale e conoscere altri locali attraverso di lei. Hai anche una nuotata ispirata da “Love Actually” nel lago e un crollo emotivo compulsivo che è impostato su musica triste.

READ  Netflix apre un ufficio canadese e assume Local Content Head - Deadline

Il disaccordo tra padre e figlio è estremamente generale, così come tutto il resto in questo debutto poco entusiasmante dello scrittore e regista James Darcy. Il bellissimo sfondo e la fuga dalla realtà possono attrarre alcuni, il padre e il figlio vicini a casa nella storia del lutto possono commuovere altri, ma in realtà c’è ben poco da prendere dal “Made in Italy” che è facile da guardare, ma è non è un film particolarmente buono.

Made in Italy è disponibile su Amazon Prime a partire da venerdì 26 marzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *