Macron: “imperdonabile” la repressione della protesta algerina del 1961 | Francia

Emmanuel Macron ha descritto la sanguinosa repressione della polizia sui manifestanti contro la guerra algerini 60 anni fa che ha portato a diverse morti come un crimine “imperdonabile”.

Mentre partecipava a un memoriale per i morti, Macron depose fiori su un ponte sulla Senna che servì da punto di partenza per le proteste dell’ottobre 1961 che portarono a uno dei capitoli più oscuri della storia francese del dopoguerra.

È il primo presidente francese a riconoscere ufficialmente che “i crimini commessi quella notte… sono imperdonabili per la Repubblica”, anche se non ha pronunciato alcun discorso ufficiale. Una dichiarazione dell’Eliseo ha ammesso che “la repressione è stata brutale, violenta e sanguinosa”, ma si è fermata prima delle scuse.

Gli eventi della notte del 17 ottobre 1961 non sono stati oggetto di indagini legali e sono ancora avvolti in un blackout ufficiale. Fino ad oggi, il bilancio delle vittime dell’attacco della polizia è sconosciuto e controverso.

Secondo i funzionari dell’epoca, meno di una manciata di manifestanti furono uccisi dalla polizia di Parigi, allora guidata dall’ex collaboratore nazista. Maurice Babbuino. Gli storici affermano che il bilancio delle vittime, molti dei quali sono stati picchiati e gettati nella Senna, oscillava tra i 50 e i 120, mentre l’Algeria ha affermato che il bilancio delle vittime nel “massacro” potrebbe raggiungere i 300.

Il comunicato dell’Eliseo riconosce: “Oltre ai tanti feriti, decine sono stati uccisi, i loro corpi gettati nella Senna. Molte famiglie non hanno ritrovato i resti dei loro cari scomparsi quella notte. Il Presidente della Repubblica rende omaggio a tutti i vittime.”

La tragedia è avvenuta al culmine della guerra d’indipendenza franco-algerina, quando decine di migliaia di manifestanti algerini si sono radunati nei punti di riferimento della città per manifestare contro il coprifuoco “razzista e discriminatorio” imposto loro dalle autorità.

READ  Menendez renews pressure to protect Venezuelans from deportation

Le proteste sono state organizzate dall’ala parigina del Fronte di liberazione nazionale algerino, che si batteva per l’indipendenza del Paese e che era accusato di aver compiuto attacchi contro la polizia parigina che hanno provocato la morte di 12 persone. Le manifestazioni pacifiche, alle quali hanno partecipato 30.000 donne e bambini, sono diventate violente quando babbuino per lanciare una campagna.

Gli agenti hanno sparato ai manifestanti e arrestato fino a 12.000, molti dei quali sono stati portati su autobus e portati in centri di detenzione improvvisati, dove hanno affermato che la polizia li ha picchiati, torturati e privati ​​del cibo per giorni. La polizia ha anche preso d’assalto la folla in preda al panico sui ponti della città sulla Senna ed è stata accusata di aver gettato i manifestanti nel fiume.

Il bilancio ufficiale delle vittime è stato fissato a due, ed è stato modificato solo quando i corpi hanno iniziato a riversarsi nelle rive del fiume e sono stati trovati nei boschi vicino ai centri di detenzione.

Nel 2011 il predecessore di Macron, François Hollande, allora candidato presidenziale del Partito Socialista, ha partecipato alla celebrazione del 50° anniversario, svelando una targa sul ponte di Clichy, il sobborgo di Parigi dove vivono molte delle vittime.

Papon, insignito della Medaglia d’Onore dal presidente Charles de Gaulle, nello stesso anno dell’uccisione dell’Algeria, ricoprì diverse cariche ufficiali di alto rango. Nel 1998 è stato condannato per crimini contro l’umanità per il suo ruolo nella deportazione in tempo di guerra di 1.690 ebrei da Bordeaux dove era un ufficiale di polizia, privandolo di onori e titoli.

READ  The stimulus dispute in Italy over the Coronavirus could push the government to collapse

La guerra d’Algeria è scoppiata nel 1954 e si è conclusa con l’indipendenza dell’Algeria da Francia nel 1962.

La dichiarazione dell’Eliseo afferma che la Francia “riconosce responsabilità chiaramente definite”. Ha aggiunto che la guerra d’Algeria e “l’impatto dei crimini commessi da tutte le parti” ha colpito le persone coinvolte “nel corpo e nell’anima”.

Francia e Algeria stanno attualmente partecipando ad a Contenzioso diplomatico Dopo che il governo francese ha annunciato di aver notevolmente ridotto il numero di visti concessi ai visitatori provenienti dalle sue ex colonie in Nord Africa, Algeria, Marocco e TunisiaMolte persone hanno forti legami familiari in Francia. L’Algeria ha accusato Macron di aver represso l’immigrazione verso gli elettori di destra in vista delle elezioni presidenziali del prossimo anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *