L’US Space Command sta seguendo il missile cinese per un ritorno incontrollato dall’orbita

L’esercito americano ha dichiarato mercoledì che i resti di un grande missile cinese lanciato la scorsa settimana dovrebbero tornare nell’atmosfera alla fine di questa settimana in un ritorno incontrollato monitorato dal Comando spaziale statunitense.

Un missile Long March 5B è esploso al largo dell’isola cinese di Hainan il 29 aprile trasportando l’unità Tianhe, che contiene quelli che diventeranno gli alloggi per tre persone su una nave permanente. Stazione spaziale cinese. Il lancio di Tianhe è stata la prima delle 11 missioni necessarie per completare la stazione.

Lo Space Command ha dichiarato in una dichiarazione pubblicata su Internet che il punto esatto dell’atterraggio del missile nell’atmosfera terrestre durante il ritorno dallo spazio “può essere determinato solo entro poche ore dal suo ritorno”, che dovrebbe avvenire l’8 maggio.

Jonathan McDowell, astrofisico dell’Università di Harvard, ha detto che i detriti potenzialmente pericolosi potrebbero sfuggire alle fiamme dopo essere penetrati nell’atmosfera a velocità supersoniche, ma potrebbero cadere in mare, dato che il 70% del mondo è coperto dall’oceano.

Esiste la possibilità che parti del missile possano cadere dal suolo, possibilmente in un’area popolata, come è avvenuto nel maggio 2020, quando pezzi di un altro missile cinese Long March 5B sono atterrati sulla Costa d’Avorio, danneggiando molti edifici, sebbene non The presenza di lesioni. McDowell ha detto a Reuters.

Il comando spaziale degli Stati Uniti ha detto che il diciottesimo squadrone di controllo spaziale presso la base aerea di Vandenberg, a circa 160 miglia (257 km) a nord-ovest di Los Angeles, sta monitorando il missile esaurito e pianificando gli aggiornamenti della posizione mentre scende.

READ  Ora che la Cina è atterrata su Marte, qual è il prossimo passo per la missione?

Ha aggiunto che lo sciame sta seguendo più di 27.000 oggetti creati dall’uomo nello spazio, la maggior parte dei quali in orbita bassa.

Il Global Times, un quotidiano cinese pubblicato dal People’s Daily ufficiale, ha descritto i rapporti secondo cui il missile era “fuori controllo” e potrebbe causare danni come “Campagna pubblicitaria occidentale. Citando addetti ai lavori del settore, ha detto che la situazione “non valeva il panico”.

“La maggior parte dei detriti verrà bruciata durante il rientro … e ne rimarrà solo una piccolissima parte che potrebbe cadere a terra, che rischia di atterrare in zone lontane dalle attività umane o in Oceano”. Il giornale ha citato il Journal of Aerospace Knowledge.

McDowell, un membro dell’Harvard Smithsonian Center for Astrophysics, ha detto che il nucleo del palco principale del missile, che si ritiene pesa circa 21 tonnellate, probabilmente si romperà in una raffica di detriti equivalente a quella di un piccolo incidente aereo e discenderebbe. in una stradina stretta. Si estende per circa 100 miglia.

A seconda della sua orbita attuale, è probabile che la traccia dei detriti cada da qualche parte a nord come New York, Madrid o Pechino e fino al sud del Cile e Wellington, in Nuova Zelanda, o ovunque nel mezzo, ha detto McDowell.

McDowell ha affermato che la maggior parte dei paesi ha cercato di progettare veicoli spaziali in modo da evitare rientri ampi e incontrollati, poiché gran parte della stazione spaziale Skylab della NASA è caduta dall’orbita nel luglio 1979 ed è atterrata in Australia.

Ha detto: “Fa sembrare pigri i progettisti cinesi dei missili perché non hanno affrontato la questione”, descrivendo la situazione come “negligenza”.

READ  I detriti sono quasi entrati in collisione con SpaceX CrewDragon durante il trasporto degli astronauti alla Stazione Spaziale Internazionale

I nostri criteri: Thomson Reuters Trust Principles.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *