L’UNICEF vuole concedere la cittadinanza a tutti i bambini nati in Italia

L’UNICEF ha chiesto all’Italia di riformare le sue regole sulla cittadinanza. UN La Children’s Organization sta cercando una legge sul diritto di nascita (nota anche come “Juice Chloe”) che garantisca la cittadinanza italiana ai bambini provenienti da famiglie di immigrati e rifugiati.

Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia Quasi trent’anni dopo l’approvazione dell’accordo, “molto è stato fatto, ma molto resta ancora da fare”, ha detto all’agenzia di stampa italiana il portavoce italiano dell’UNICEF Andrea Icomini. Ansa Di mercoledì.

Ikomini ha detto che ci piace particolarmente avere una discussione tranquilla su Jus Chloe. Jus Chloe è un altro termine per la cittadinanza per diritto di nascita: l’idea che a tutti i nati in Italia dovrebbe essere concessa la cittadinanza italiana indipendentemente dalla cittadinanza dei genitori.

La primogenitura richiede la cittadinanza

Le organizzazioni pro-immigrati e i Democratici in Italia spingono per la riforma della legge sulla cittadinanza per introdurre Juss Chloe, mentre i partiti di destra – in particolare il Partito della Lega di Matteo Salvini – sono contrari. Questo problema è fortemente contestato in Italia.

“Siamo fiduciosi che Friedrich metterà fine alla ‘guerriglia'”, ha detto Ikomini. “Speriamo che i politici possano darci questo dono. Siediti intorno al tavolo per parlarne a bassa voce”.

Ha detto che era “radicato per un milione di bambini [born to foreign parents] Hanno sempre vissuto in Italia, studiato nelle nostre scuole e parlano i nostri dialetti “saranno presto riconosciuti come cittadini.

Morti “inaccettabili” nel Mediterraneo

Ikomini ha anche espresso fiducia nella politica italiana per il salvataggio dei migranti mediterranei.

“In un’arena internazionale, apprezziamo molto l’uso della parola” inaccettabile “da parte del premier Drake in relazione alla morte di bambini migranti. È un buon segno di speranza che venga trovata una soluzione al problema del recupero marittimo. Apprezziamo il sforzi fatti per vaccinarsi nei paesi più poveri “, ha detto.

READ  Matteo Salvini dovrà affrontare un processo per collisione con la nave di soccorso dei migranti | Italia

Il primo ministro italiano Mario Draghi Ha risposto alle foto di bambini deceduti di recente, Lavato al largo delle coste libiche, “I corpi di neonati e bambini lavati su una spiaggia in Libia sono inaccettabili”.

La cooperazione dell’Italia con la Guardia Costiera libica è stata ampiamente criticata e molti attivisti per i diritti dell’immigrazione e il Consiglio d’Europa hanno chiesto all’Italia e all’Unione Europea di fare di più per salvare le vite dei migranti nel Mediterraneo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *