L’ungherese Viktor Orban terrà un referendum sulla legge anti-gay e transgender | Ungheria

Il primo ministro ungherese di estrema destra Viktor Orban ha annunciato che il suo governo terrà un referendum nazionale sulla “protezione dell’infanzia”, ​​un eufemismo per alcune parti del paese. diritto moderno È stato ampiamente condannato come una discriminazione che vieta qualsiasi rappresentazione di persone LGBT in materiale destinato ai bambini.

Gli attivisti LGBT visitano asili e scuole e conducono lezioni di educazione sessuale. Vogliono farlo qui in Ungheria Lo ha detto anche Orban in una dichiarazione video di Facebook pubblicata mercoledì.

Il sondaggio includerà cinque domande, la maggior parte delle quali formulate nella lingua principale. Una delle domande è: “Supporta la visualizzazione di minori, senza alcuna restrizione, contenuti mediatici di natura sessuale che potrebbero influenzare il loro sviluppo?”

Orban ha annunciato il referendum tre giorni prima della sfilata del Pride a Budapest sabato.

La nuova legge ungherese è entrata in vigore all’inizio di questo mese. Sembra confondere l’omosessualità con la pedofilia e si ispira in parte a una legge russa che vieta la cosiddetta “propaganda gay” tra i minori. La legge ungherese va oltre, rendendo reato “promuovere o rappresentare” l’omosessualità o il transgenderismo ai minori. Limita anche l’educazione sessuale nelle scuole alle organizzazioni accreditate dal governo.

Il mese scorso, il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha definito il disegno di legge una “vergogna” e discriminatorio. “Utilizzerò tutti i poteri legali di [the] Commissione UE per garantire che i diritti di tutti i cittadini UE siano garantiti ha scritto su Twitter.

Orban affronta le elezioni della prossima primavera contro una coalizione di opposizione appena formata, che potrebbe essere una corsa serrata. La forte retorica anti-gay, bisessuale e transgender (LGBT) sembra essere parte di una strategia politica per trovare un nuovo obiettivo per rafforzare il sostegno al partito Fidesz di Orbán, dopo anni di campagne contro i rifugiati e l’immigrazione.

READ  Warnock esorta Biden a dare la priorità alla lotta contro la soppressione degli elettori | Georgia

“È in gioco il futuro dei nostri figli, quindi non possiamo lasciare che Bruxelles faccia a modo suo”, ha detto Urban.

“Il primo ministro ha chiesto agli ungheresi di dire di no a queste domande, proprio come hanno fatto cinque anni fa, quando Bruxelles ci ha impedito di costringerci con i migranti”, ha detto il portavoce di Orbán Zoltan Kovacs in un blog.

Infatti, il referendum del 2016 sulle quote obbligatorie per gli immigrati non ha raggiunto il 50% di affluenza richiesta per essere vincolante, anche se la stragrande maggioranza dei voti espressi era a favore del governo.

I gruppi per i diritti affermano che il referendum potrebbe aumentare la discriminazione e la stigmatizzazione della comunità LGBT ungherese e rendere la vita più difficile e pericolosa per i bambini LGBTI.

“Organizzare un referendum per togliere i diritti fondamentali di una minoranza ricorda l’Europa degli anni ’30”, ha affermato Rémy Bony, un belga. diritti degli omosessuali Attivista in un comunicato. Questo sondaggio [is] Non solo sta rimettendo la comunità LGBTIQ nel tesoro, ma sta anche mettendo a rischio i diritti fondamentali dei bambini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *