L’UE porta l’Italia in tribunale per non aver condiviso i dati relativi al terrorismo – EURACTIV.com

La Commissione Europea ha raccomandato l’Italia alla Corte di Giustizia Europea del Lussemburgo per non aver rispettato le ‘Prom Decisions’ stabilite dal Consiglio degli Interni UE nel 2008 per rafforzare la cooperazione giudiziaria tra gli Stati membri, che è uno strumento fondamentale nella lotta contro terrorismo e criminalità a Bruxelles.

Queste regole consentono agli Stati membri di scambiare rapidamente informazioni su DNA, impronte digitali e dati di immatricolazione nazionale dei veicoli, nonché pubblici ministeri e polizia per identificare i sospetti e stabilire collegamenti tra i procedimenti penali in tutta l’UE.

Ma l’Italia non ha ancora fornito tali strutture ai suoi partner europei perché non ha mai aperto le sue banche dati ad altri Stati.

La Commissione aveva già avviato una procedura di infrazione nel 2011 e quando lo scambio di informazioni è entrato in funzione senza alcuna risposta nel 2017, è passata alla seconda fase, inviando un parere ragionevole e sollecitando l’Italia a rispettare pienamente i propri obblighi legali.

A seguito di ripetute indagini sui progressi del Paese nell’adempimento dei propri obblighi, la Commissione europea ha affermato che “l’Italia non ha ancora consentito ad altri Stati membri di accedere ai dati relativi al DNA, alle impronte digitali e all’immatricolazione dei veicoli”.

Il caso è stato riassegnato a un altro tribunale, che infliggerà multe se il governo non agirà rapidamente.

READ  Il Dadan S4200 stabilisce un record mondiale libero, con l'Ucraina che batte l'Italia nell'euro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *