L’ONU afferma che è tempo che la Russia metta fine alla guerra “impossibile da vincere” in Ucraina | Ucraina

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha affermato che è giunto il momento per la Russia di porre fine alla sua guerra “futile” e “impossibile da vincere” in Ucraina, mentre l’Unione europea si prepara a creare un “fondo fiduciario” volto ad aiutare Kiev a respingere l’invasione e a ricostruire. Subito dopo.

Parlando con i giornalisti presso la sede delle Nazioni Unite a New York, Guterres ha affermato che la guerra “non sta andando da nessuna parte rapidamente”. Più di due settimane fa, ha detto, le forze russe hanno circondato, bombardato e bombardato la devastata città meridionale di Mariupol.

“Come mai?” Domandò. “Anche se Mariupol cade, l’Ucraina non può essere conquistata città per città, strada per strada, casa per casa”. L’unico risultato di più combattimenti, ha detto Guterres, è stato “più sofferenza, più distruzione, più terrore”.

I negoziatori di Mosca e Kiev hanno tenuto diversi round di colloqui di pace che finora hanno fatto pochi progressi verso la fine di quasi quattro settimane di combattimenti, che hanno causato migliaia di morti e oltre 10 milioni di sfollati.

“C’è abbastanza sul tavolo per fermare le ostilità ora e negoziare seriamente ora”, ha detto. Questa guerra non può essere vinta. Prima o poi dovrà spostarsi dal campo di battaglia al tavolo della pace. Questo è inevitabile”.

Nel frattempo, i leader dell’Unione europea a 27 nazioni si incontrano giovedì a Bruxelles per discutere la risposta aggiuntiva del blocco all’attacco di Mosca, incluso un meccanismo di sostegno finanziario a lungo termine per l’Ucraina che supera 1,2 miliardi di euro in finanziamenti di emergenza già concordati.

Secondo una bozza di documento visionata dall’Afp, l’Ue si impegnerà “a fornire sostegno al governo ucraino per far fronte ai suoi bisogni urgenti e, una volta interrotta l’offensiva russa, per ricostruire un’Ucraina democratica”.

READ  Il Galaxy S20 FE 5G acquisisce una serie di funzionalità S21 con l'aggiornamento One UI 3.1

Il documento non fornisce dettagli sulle dimensioni del Fondo di solidarietà ucraino o su come potrebbe funzionare, ma afferma che il Consiglio europeo prevede che i preparativi inizino “senza indugio” e convocherà una conferenza internazionale per raccogliere fondi.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si recherà a Bruxelles questa settimana per i colloqui della NATO e del Gruppo dei Sette per discutere ulteriori misure, compreso l’inasprimento delle sanzioni contro la Russia. Biden ha discusso delle tattiche “brutali” di Mosca in una telefonata con i leader europei lunedì.

Boris Johnson dovrebbe dire agli alleati al vertice della NATO che c’è un urgente bisogno di sostenere gli ucraini ora e che le tattiche russe di usare il fuoco indiscriminato sui centri civili sono di natura escalation.

Il Regno Unito dimostrerà che è necessaria una nuova azione in mezzo all’aumento dei bombardamenti russi su città come Mariupol ed esorta gli alleati a considerare questo come un’escalation che richiede una risposta che includa un aumento del flusso di armi in Ucraina che migliorerà le loro capacità. resistere.

I funzionari occidentali stanno attenti a evitare di formarsi un’idea tra gli alleati che solo l’uso di armi chimiche o biologiche rappresenti un’ulteriore escalation, non il bombardamento sempre più indiscriminato della popolazione civile, che il Regno Unito ritiene possa meritare un’ulteriore risposta.

Il vicepresidente Maros Sivkovic ha dichiarato martedì che l’UNHCR farà anche dei piani mercoledì per garantire che gli oltre 3,5 milioni di rifugiati fuggiti dall’invasione russa abbiano accesso a lavoro, istruzione e alloggio.

Le azioni iniziali del blocco si sono concentrate sull’accoglienza degli ucraini al confine, ma “ora dobbiamo garantire che siano disponibili risorse adeguate per soddisfare i loro bisogni”, ha detto Sivkovic dopo una riunione dei ministri degli Affari europei a Bruxelles.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha detto al parlamento italiano a Roma che per le truppe russe “l’Ucraina è la porta dell’Europa, dove vogliono irrompere, ma la barbarie non deve passare”. Ha nuovamente chiesto più aiuto per sconfiggere gli invasori del suo paese.

Un possibile risultato della guerra, ha avvertito Zelensky, è stata “l’imminente carestia di alcuni paesi”. “L’Ucraina è sempre stata uno dei maggiori esportatori di cibo”, ha detto, “ma come possiamo coltivare i raccolti sotto i colpi dell’artiglieria russa?”

In un’intervista alle stazioni televisive europee lunedì scorso, Zelensky ha affermato che la fine della guerra sarebbe stata negoziata solo se avesse incontrato il presidente russo Vladimir Putin e ha ribadito la sua ammissione che l’Ucraina non può ora assicurarsi l’adesione alla NATO.

In risposta al leader ucraino, il primo ministro italiano Mario Draghi ha affermato che l’Ucraina ha offerto una resistenza “eroica” all’invasione delle forze russe e che l’Italia avrebbe sostenuto la sua offerta di entrare nell’Unione Europea, cosa che Kiev ha da tempo affermato di voler fare.

Draghi ha affermato che l’adesione all’Unione Europea è stata un processo lungo a causa delle riforme necessarie per la piena integrazione con il blocco, ma ha aggiunto: “Voglio dire al presidente Zelensky che l’Italia è con l’Ucraina in questo processo. L’Italia vuole che l’Ucraina aderisca all’Unione Europea .”

L’Unione Europea ha imposto collettivamente diversi round di sanzioni a Mosca e approvato 1 miliardo di euro di finanziamento di armi per l’esercito ucraino, ma stanno cominciando ad apparire crepe nell’Unione su ulteriori misure, incluso il divieto delle principali esportazioni di energia della Russia.

Le sanzioni occidentali combinate hanno escluso la Russia dalla maggior parte del commercio internazionale a un livello che non è mai stato imposto a un’economia così grande, ma sono state fatte eccezioni per le esportazioni di energia russe verso l’Europa, il suo più grande cliente di petrolio e gas.

Molti Stati membri insistono sul fatto che sono ancora troppo dipendenti dal gas e dal petrolio russi per poter fermare immediatamente tutte le importazioni di energia. Nel tentativo di ridurre il consumo di gas russo da parte dell’Unione Europea, i leader di un vertice di Bruxelles questa settimana sono anche disposti ad accettare di acquistare collettivamente gas, gas naturale liquefatto e idrogeno da altre parti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *