Lo schermidore italiano vince l’oro in carrozzina a Tokyo

La schermitrice italiana in carrozzina Beatrice Maria Vio ha vinto per la seconda volta consecutiva la medaglia d’oro nel fioretto femminile.

La 24enne è conosciuta come “Bebe” Vio. Le sue gambe e gli avambracci sono stati amputati quando aveva 11 anni dopo aver contratto la meningite.

Il suo atteggiamento positivo nei confronti della vita e l’impegno nel suo sport hanno ispirato molte persone in tutto il mondo. Più di un milione di persone la seguono su Instagram.

Sabato ha mostrato la sua velocità schiacciante, sconfiggendo in finale la cinese Zhou Jingjing.

Dopo la partita, ha detto che l’anno passato è stato difficile con molte situazioni dolorose. Ha detto che non avrebbe vinto la medaglia d’oro senza la sua squadra al suo fianco.

La pallavolo da seduti maschile ha visto l’atleta più alto che abbia mai gareggiato ai Giochi Paralimpici.

Morteza Mehrzadseljani in Iran è alta 2 metri e alta 46 centimetri. Di solito usa una sedia a rotelle o le stampelle dopo aver avuto un incidente in bicicletta da adolescente.

Ha segnato il livello più alto della squadra con 18 punti per portare il suo paese alla vittoria sulla Germania in gruppi consecutivi nel turno preliminare. L’Iran sta cercando la sua settima medaglia d’oro in questo evento.

Sabato ha visto anche uno degli sport più memorabili delle Paralimpiadi. La boccia è uno sport di palla fine simile al curling e alle bocce in erba. I giocatori, a turno, lanciano o fanno rotolare le palline colorate il più vicino possibile alla pallina bianca bersaglio.

Il tre volte campione paralimpico Wacharrafon Phungsa della Thailandia ha vinto la sua prima partita nel turno preliminare. Un atleta con paralisi cerebrale dovrebbe vincere titoli individuali e di squadra ai Giochi.

READ  La Taekwondo Humanitarian Foundation sigla un accordo per rafforzare la propria presenza in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *