L’italiano Tragi Erdogan critica Sofagate come un “dittatore” dopo Politico

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha definito il presidente turco Recep Tayyip Erdogan un “dittatore” e lo ha criticato per aver mandato sul divano la presidente della Commissione europea Ursula van der Leyne durante una visita ufficiale martedì.

“Sono profondamente rattristato dall’umiliazione che il presidente della Commissione europea Van der Leyen deve sopportare”, ha detto Drake Disse Durante una conferenza stampa giovedì sera.

Durante una visita ufficiale ad Ankara, Erdogan ha presentato una sedia accanto al presidente del Consiglio europeo Charles Michel, lasciando un van der Leyen infastidito seduto su un letto vicino – un incidente È diventato virale online E chiamato Sopagate.

“Credo che questo non sia il comportamento giusto”, ha detto Draghi prima di commentare come ci si dovrebbe comportare con i “dittatori”.

“Con questi – come li chiamano – dittatori, tuttavia dobbiamo cooperare … bisogna essere aperti nell’esprimere idee, opinioni, comportamenti, visioni della comunità ed essere disposti a cooperare per difendere gli interessi del loro Paese. Questo è importante. Dobbiamo trovare il giusto equilibrio. Dovrebbe “, ha detto Drake, ex capo della Banca centrale europea.

Il ministero degli esteri turco ha successivamente convocato l’ambasciatore italiano per condannare i commenti di Troki Anatolian News Agency. Il ministro degli Esteri Mevlt avuşoğlu Tweeted “Condanniamo fermamente i commenti inaccettabili del Primo Ministro italiano sul nostro presidente eletto. [and call on the Italian PM to] Lascia andare i commenti negativi. “

Parlando ai giornalisti giovedì, avuşoğlu ha sottovalutato la confusione sulla sistemazione dei posti, affermando che, secondo Anatoly, la Turchia aveva soddisfatto tutti i requisiti etici dell’UE.

Michael inizialmente ha detto in un’intervista televisiva più tardi giovedì che l’incidente di Sofagate non era colpa sua, ma piuttosto il risultato di “una dura interpretazione dei servizi turchi da regole etiche”: “Mi dispiace molto per questa situazione”.

READ  Mary-Jose, l'ultima regina d'Italia, oggetto di nuovi progetti cinematografici e televisivi - scadenza

Jean-Claude Juncker, il predecessore di Van Pierre a capo della commissione, è venuto in difesa di Michael e ha sottovalutato l’importanza dello snap turco, dicendo che in passato anche lui doveva sedersi su un divano come da protocollo.

Questo articolo è stato aggiornato con una risposta della Turchia e del ministro degli Esteri Mevlt avuşoğlu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *