L’Italia vieta le esportazioni di armi in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti

L’Italia ha sospeso le esportazioni di armi verso l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti per la preoccupazione che le armi italiane possano essere utilizzate per uccidere i civili nello Yemen.

I gruppi di campagna hanno descritto la decisione come “storica” ​​perché la sentenza significava un assedio completo piuttosto che un arresto della vendita di armi agli stati del Golfo.

L’Italian Peace and Disarmament Network, un’alleanza di organizzazioni che si battono contro la vendita di armi in Italia, ha affermato che la mossa fermerà la fornitura di almeno 12.700 bombe.

“Stabilisce un importante precedente per un importante esportatore di armi europeo … ora per attirare l’attenzione sul Regno Unito e altri governi che si occupano di armi che hanno svolto un ruolo chiave nel far rispettare il conflitto”.

– Andrew Smith, Campagna contro il commercio di armi

Ricardo Nouri, portavoce di Amnesty International in Italia, ha detto che la coalizione di organizzazioni sta conducendo una campagna per decisioni che si applicherebbero a sei diverse licenze.

“A tal fine, le licenze concesse all’Arabia Saudita nel 2016 includevano più di 20.000 serie MK di bombe aeree per un valore di oltre 1 411 milioni”, ha detto Nouri al Medio Oriente.

“La sola revoca di questa licenza invaliderà la fornitura di oltre 12.700 bombe all’Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti”.

Confermato Manlyo de Stefano, vice segretario di Stato agli affari esteri il Fatto Quotidiano Daily La decisione di fermare la vendita di armi è stata presa la scorsa settimana.

“Quando il Primo Ministro ha accettato la raccomandazione del Ministro degli Esteri la scorsa settimana di fermare le esportazioni di armi in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti, era già stata presa una decisione politica”, ha detto De Stefano.

READ  Coppa America: gioia in Inghilterra, tono minaccioso in Italia mentre Alt McDend va in gara

Andrew Smith, che ha condotto una campagna contro il commercio di armi, ha detto che la decisione italiana ha stabilito un “precedente molto importante” per altri paesi europei.

“Il governo italiano non avrebbe dovuto armare prima le forze saudite. Le vendite di armi che hanno sostenuto hanno provocato una guerra brutale e hanno contribuito a creare una catastrofe umanitaria”, ha detto Smith al MEE.

Tuttavia, costituisce un precedente molto importante per un importante esportatore di armi europeo, soprattutto alla luce dell’annuncio degli Stati Uniti.

“Ora l’attenzione è concentrata sul Regno Unito e su altri governi di trafficanti di armi che hanno svolto un ruolo chiave nell’applicazione del conflitto. La vendita di queste armi deve essere fermata, quindi devono avere il sostegno politico per sostenerli”.

All’inizio di questa settimana, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha sospeso la vendita di armi per miliardi di dollari all’Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti.

Il Wall Street Journal riporta che l’embargo sulle armi includerà anche la vendita di armi che potrebbero portare proprio in Arabia Saudita e caccia F-35 negli Emirati Arabi Uniti.

All’inizio del 2018, il primo ministro italiano Giuseppe Conte ha affermato che il suo governo voleva interrompere la vendita di armi all’Arabia Saudita a causa del coinvolgimento nello Yemen e dell’assassinio del giornalista Jamal Kashoki.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *