L’Italia vieta ai club di separarsi dalla Serie A.

ROMA (AP) – Lunedì la Confederazione Italiana Calcio ha aggiunto al proprio regolamento una “opposizione di super lega”, rendendo più facile l’espulsione di qualsiasi club che in futuro cerchi di separarsi.

La norma, che vieta a qualsiasi squadra di giocare nel campionato nazionale, è stata approvata all’unanimità dal Consiglio Figc, di cui fa parte l’Amministratore Delegato dell’Inter Giuseppe Marotta.

Leader della Serie A Inter, Juventus e A.C. Il Milan sono state le squadre italiane che hanno portato all’accusa di una brutta Super League.

“Chi pensa di dover prendere parte a competizioni non riconosciute da FIGC, FIFA o UEFA sta perdendo rilevanza”, ha detto il presidente della FIGC Gabriel Gravina.

La controversa divisione delle squadre di calcio europee è scoppiata la scorsa settimana – poco dopo l’annuncio – a seguito di un contraccolpo di tifosi e funzionari, quando tutte e sei le squadre inglesi si sono ritirate dallo schema, che si è rapidamente fuso con Inter e Atletico Madrid.

Juventus e Milan hanno convenuto che il piano non andava da nessuna parte immediatamente, mentre allo stesso tempo si apriva la possibilità di entrare in una Super League.

“Al momento, non abbiamo notizie su chi ha lasciato la Super League”, ha aggiunto Kravina.

“Questa regola si applica alle licenze nazionali. Entro il 21 giugno … Se qualcuno vuole gareggiare a titolo privato, è chiaro che non parteciperà al nostro campionato. “

Gravina ha detto la scorsa settimana che i club non saranno puniti Per il loro coinvolgimento nel progetto, ha ribadito la sua convinzione che il piano fallito della Super League dovrebbe servire come un appello al cambiamento.

READ  I convocati dell'Italia Euro 2020: Jorginho ed Emerson aggiunti ai 28 convocati

La federazione sta portando avanti le riforme che ha deciso di introdurre a breve. Ciò include i playoff per l’espulsione e la promozione e una riduzione del numero di squadre di Serie A, ha detto Gravina.

“Coloro che hanno descritto la Super League come un atto debole da parte di un certo numero di club che stanno attraversando un momento di difficoltà economica o una rivolta nel sistema calcistico sono fraintesi”, ha detto Kravina. “È una questione delicata e deve essere ulteriormente esplorata”.

___

Più AP Football: https://apnews.com/hub/soccer e https://twitter.com/AP_Sports

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *