L’Italia testa il suo primo progetto stradale intelligente nel febbraio 2021

Con il passare degli anni, le capacità di connettività per moto e auto si espandono. Oggi puoi regolare le impostazioni delle sospensioni su alcune nuove bici con pochi passaggi sull’app sul tuo smartphone. Alcune aziende stanno pensando al futuro, soprattutto ai veicoli collegati tra loro su strada.

Non siamo ancora arrivati, ma ci stiamo avvicinando e un nuovo progetto a Cortina, in Italia, vuole portare avanti le cose. I collaboratori Anas e Technocidoff la definiscono una “strada intelligente” che si estende fino a 80 chilometri (circa 50 miglia) sulla strada statale SS51 di Alemagna tra Longron e Cordina.

Cosa rende questa strada così intelligente? È dotato di fotocamere e sensori, che entrambe le società sostengono possono aiutare in molti modi. Soprattutto, monitorano il flusso del traffico, che include incidenti, interruzioni e ogni condizione stradale che si sviluppa lungo il percorso. I servizi di emergenza possono essere inviati rapidamente se necessario.

Piloti e conducenti stanno diventando più connessi ai nostri veicoli che mai, ma progetti come questo stanno facendo più progressi. Man mano che sempre più veicoli intelligenti, comprese le automobili, vengono online, le strade intelligenti come questa sono un modo per collegare tutto insieme. Almeno, così pensano Anas e Technocidoff. Vale anche la pena notare che Anas attualmente gestisce il 90 per cento della rete stradale nazionale italiana.

Questo test è il primo del suo genere in Italia, ed è ora di adattarsi ai periodi di maggiore affluenza nella regione. I Campionati mondiali di sci si svolgeranno dal 7 al 21 febbraio 2021 e quella strada dovrebbe essere eccezionalmente trafficata per tutta la durata dell’evento.

READ  Riapertura del liceo, lotta al governo. Si riparte l'11 gennaio - Corriere.it

La tecnologia stradale intelligente consente la comunicazione tra veicoli intelligenti: biciclette e automobili. I veicoli senza capacità di comunicazione intelligenti possono anche avere speciali unità a bordo che consentono loro di partecipare alla conversazione. Situazioni come incidenti, problemi ai freni e altre sfide quotidiane affrontate dai veicoli sulla strada possono essere immediatamente trasmesse ad altri veicoli intelligenti o unità di bordo installate in quella zona.

“Il progetto è di rilevanza internazionale”, ha detto al quotidiano La Stampa Giuseppe Celia Magno, amministratore delegato di Technocidoff.

“Le strade intelligenti e le città intelligenti fanno parte del rilancio di tutte le nazioni, sono al centro dei processi di digitalizzazione e rivoluzione del movimento, e la strada intelligente sarà la tecnologia che consente la guida autonoma. Oggi ci stiamo muovendo verso il 5G, ma i protocolli per gli standard futuri sono ancora definiti. “Questa è una demo che ci aiuterà a vedere come funzioneranno le strade future”, ha concluso.

Sono già in corso ulteriori piani per realizzare la smart road di Anas e Technocitab con la A2 in Sicilia. I risultati di questo test iniziale, ovviamente, indicheranno come queste due società stanno progredendo in futuro e in altri progetti.

Altre aziende in tutto il mondo operano da molti anni in varie strategie stradali intelligenti. Alcuni si concentrano sulla comunicazione tra veicoli, sulla gestione delle strade e sulla sicurezza, mentre altri includono veicoli elettrici su strade dove possono essere ricaricati durante il viaggio. SciShow è attivo Una buona panoramica video Alcune delle ultime strategie stradali intelligenti per scrivere il tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *