L’Italia sta cercando più chiusure scolastiche poiché l’alternativa britannica provoca rivolte

Il nuovo governo italiano ha ordinato la chiusura di più scuole martedì dopo che i dati hanno mostrato che la maggior parte dei casi di coronavirus è il tipo britannico più contagioso.

Tutte le scuole nelle zone più pericolose passeranno alla formazione a distanza secondo le nuove regole che entreranno in vigore da sabato, mentre solo le scuole superiori erano precedentemente chiuse nelle zone rosse.

Le autorità regionali avranno anche una nuova discrezionalità per sospendere l’insegnamento faccia a faccia nelle regioni all’interno delle regioni arancioni e gialle di minor rischio dove la situazione del coronavirus è particolarmente grave, secondo un decreto che dura fino al 6 aprile.

Nuovi dati del National Health Institute della Stazione Spaziale Internazionale hanno rivelato che il 54% dei casi di coronavirus in Italia erano ora il presunto tipo britannico, che è considerato più contagioso.

“L’alternativa britannica ha una capacità speciale di penetrare nelle giovani generazioni”, ha detto in una conferenza stampa il ministro della Salute Roberto Speranza.

“Questo ci ha spinto a scegliere, ovvero che la scuola di tutti i livelli nelle aree rosse sarà la formazione a distanza”.

Secondo l’ultima classifica entrata in vigore lunedì, solo due delle 20 regioni italiane erano in rosso: Basilicata e Moulesi al sud. Lombardia, che comprende Milano, Marche e Piemonte in arancione.

Quando è entrato in carica il mese scorso, il nuovo premier Mario Draghi ha promesso di usare “tutti i mezzi” per far fronte alla pandemia che ha ucciso quasi 100mila persone in Italia e ha devastato l’economia.

Lunedì, l’ex presidente della Banca centrale europea (Bce) ha nominato un alto ufficiale militare incaricato della crisi del coronavirus. Il generale Francesco Paolo Vigliolo ha sostituito l’imprenditore Domenico Arcuri come Commissario straordinario per le emergenze sanitarie.

READ  Dalla Serie B a Euro 2020, si sono formati gli italiani dello Zeman

Il nuovo decreto proroga anche l’attuale divieto di viaggiare tra le regioni italiane fino al 27 marzo.

Con una buona notizia, teatri e cinema potranno riaprire dal 27 marzo nelle aree gialle, anche se con una capienza del 25%, mentre i musei potranno aprire i battenti il ​​sabato, non solo nei giorni feriali.

Il governo ha anche svelato una nuova “zona bianca” dove verranno tolte la maggior parte delle restrizioni a livello nazionale imposte negli ultimi mesi, compresa la chiusura del servizio al tavolo alle 18 nei bar e nei ristoranti.

La Sardegna è etichettata come bianca solo da lunedì e le autorità locali hanno scelto di riaprire gradualmente.

in tempo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *