L’Italia sta cercando di adottare nuove misure sul Coronavirus, con restrizioni imposte a Londra e Parigi

Milioni in tutta Europa hanno dovuto affrontare maggiori restrizioni ai loro movimenti durante il fine settimana, poiché l’Italia si preparava a nuove misure e Londra e Parigi hanno imposto restrizioni più severe, in uno sforzo crescente per controllare l’aumento dei casi di coronavirus.

Il primo ministro italiano Giuseppe Conte potrebbe ordinare la chiusura di bar e ristoranti alle 22:00, vietare alcuni sport e modificare l’orario delle scuole superiori per evitare l’affollamento, secondo i funzionari del suo governo, che hanno richiesto l’anonimato in linea con la loro politica. È programmato per annunciare i suoi piani domenica sera. Il paese ha segnalato 11.705 nuovi casi domenica, un record il terzo giorno, superando i 10.000.

Il presidente Simonetta Sommaruga ha detto che la Svizzera ordinerà maschere in spazi pubblici chiusi da lunedì e che le riunioni di oltre 15 persone saranno vietate. A Londra sono entrate in vigore regole che vietano alle persone di mescolarsi con altre famiglie all’interno delle loro case, mentre a Parigi e in altre otto città francesi i residenti restano a casa tra le 21:00 e le 6:00 per quattro settimane.

In Belgio, che ha il maggior numero di casi pro capite in Europa ad eccezione della Repubblica Ceca, il governo ha annunciato l’intenzione di imporre nuove restrizioni a livello nazionale da lunedì. L’Irlanda è pronta ad accettare misure più severe lunedì.

Con l’eccezione del Belgio, i leader europei hanno per lo più aderito alle restrizioni interne che prendono di mira gli hotspot dei virus urbani dopo che i blocchi di sicurezza all’inizio di quest’anno hanno portato ad alcune delle peggiori recessioni a memoria d’uomo. Ma con la regione che si avvicina all’inverno, quando le persone non possono trascorrere molto tempo all’aperto e la velocità di trasmissione è probabile che aumenti, un ritorno a qualsiasi senso di normalità sembra lontano.

READ  Basket olimpico, azione NBA incrocia Yvan Fournier e Nicolas Batum

Il consigliere Sebastian Kurz ha esortato gli austriaci a limitare i contatti sociali e monitorare le misure sanitarie per evitare un secondo blocco in un messaggio videoregistrato sui social media.

“Se tutti rinunciamo a celebrazioni private, grandi raduni e feste, possiamo rallentare la diffusione e mantenere aperte le scuole, l’economia e gran parte della vita sociale”, ha detto Curtis.

Le maggiori restrizioni arrivano quando nuovi casi raggiungono record giornalieri nella maggior parte dell’Europa. Il Regno Unito ha segnalato quasi 17.000 nuovi casi domenica e ha aggiunto più di 100.000 infezioni nell’ultima settimana. La Francia ha annunciato sabato 32.427 infortuni.

La coalizione italiana è divisa sulle nuove restrizioni. Alcuni al governo stanno cercando regole più severe mentre Conte insiste che l’epidemia sia ora molto diversa da quella che il paese ha affrontato all’inizio di quest’anno, quindi le misure dovrebbero riflettere la situazione attuale, secondo quanto riportato dai media italiani, incluso Il Corriere della Sera. Domenica i vertici regionali si incontrano con alcuni ministri per cercare di concordare nuove regole, che Conte annuncerà nel corso della giornata.

Le autorità della regione Lombardia, che comprende la capitale finanziaria di Milano, già venerdì hanno chiesto a bar e ristoranti di iniziare la chiusura a mezzanotte, hanno sospeso i giochi e hanno vietato agli stabilimenti di servire bevande alcoliche dopo le 18:00 ad eccezione dei clienti seduti ai tavoli. Sono state anche annunciate restrizioni per le scuole superiori e eventi sportivi.

Una portavoce ha detto che il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier è entrato in quarantena sabato dopo che una guardia del corpo è risultata positiva al virus. Steinmeier è risultato negativo due volte da quando è stato confermato l’infortunio alla guardia del corpo.

READ  Popyrin torna in azione con Dubai che vince

In Belgio, il primo ministro Alexander de Crowe ha affermato che le restrizioni all’ospitalità, insieme al coprifuoco da mezzanotte alle 5 del mattino e alle restrizioni sulle vendite e sui raduni di alcolici, entreranno in vigore lunedì per un periodo di quattro settimane. Lavorare da casa sarà obbligatorio, ove possibile. I bar sono stati effettivamente chiusi a Bruxelles la scorsa settimana.

“Sotto molti punti di vista, i numeri sono peggiori rispetto a marzo o aprile”, ha detto de Crowe durante una conferenza stampa. “E non sto portando un buon messaggio: è probabile che questi numeri continueranno a salire nei prossimi giorni”.

L’esperienza del Belgio indica che il potenziale di blocchi nazionali sta diventando sempre più probabile, anche dopo che leader tra cui il primo ministro britannico Boris Johnson e il presidente francese Emmanuel Macron si sono impegnati a fare tutto il possibile per mantenere a galla le loro economie.

Il gabinetto irlandese dovrebbe approvare nuove misure lunedì dopo che i funzionari sanitari hanno raccomandato di spostare l’intera nazione al livello 5 di blocco, il blocco più stretto, poiché i casi sono aumentati ai livelli visti l’ultima volta ad aprile. Mentre il governo può fermarsi un po ‘per tornare al blocco quasi totale, le potenziali misure in gioco includono la chiusura di negozi non essenziali, la chiusura di tutti i bar e le restrizioni sulle distanze che le persone possono percorrere da casa.

In Spagna, bar e ristoranti sono stati chiusi nella regione della Catalogna intorno a Barcellona, ​​mentre in Austria Cortes sta cercando di incanalare quello che ha definito lo “spirito di squadra” mostrato dalla gente durante la prima ondata di infortuni in primavera. Il governo ha programmato un incontro con le nove province della nazione lunedì per decidere come ridurre i contatti sociali dopo che sabato il paese ha registrato un aumento record di nuovi casi.

READ  Le regole sul disavanzo invariate approfondiranno il divario nord-sud - Politica

“La seconda ondata è qui”, ha detto il ministro degli Interni svizzero Alain Perset. “È arrivato più velocemente di quanto ci aspettassimo, ma siamo pronti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *