L’Italia sta affrontando la peggiore recessione economica dalla seconda guerra mondiale a causa del Coronavirus

La fiducia delle imprese nella terza economia della zona euro è scesa a maggio al livello più basso da quando l’Istituto ufficiale di statistica ISTAT ha lanciato l’indice nel marzo 2005.

L’associazione delle piccole imprese Confesercenti ha detto che il numero è “preoccupante”.

Ha aggiunto: “Lo stato di emergenza sanitario ed economico ha demolito le imprese, soprattutto nei negozi, nei servizi e nel turismo”.

I suoi membri sono particolarmente preoccupati per “la mancanza di liquidità necessaria per pagare costi e stipendi … Siamo vicini al punto di non ritorno ed è per questo che le misure decise dal governo (garanzie sui prestiti, sostegno alle piccole e medie imprese) deve entrare in vigore immediatamente “, ha detto. Presidente della Federazione Patrizia de Luiz.

“Dobbiamo ridurre la burocrazia e accelerare e semplificare le procedure, perché se il supporto viene ritardato di nuovo, molte aziende non avranno altra scelta che fermarsi”, ha detto.

I negozianti chiedono la riapertura di negozi e attività commerciali si riuniscono per una rapida dimostrazione fuori dalla stazione ferroviaria di Santa Lucia vicino al Canal Grande a Venezia, il 3 maggio 2020. MARCO SABADIN / AFP

La scorsa settimana il governo ha accusato le banche di non agire abbastanza velocemente, ma ha affermato di aver già consegnato quasi 400.000 richieste di prestito per un valore di oltre 18 miliardi di euro (20 miliardi di dollari) al Fondo centrale di garanzia sostenuto dallo stato.

Un milione di posti di lavoro sono minacciati

L’Italia è stata il primo paese europeo a essere colpito da una pandemia e ha imposto un rigoroso blocco di due mesi che ha paralizzato gran parte dell’attività economica del paese.

READ  Salvini dice che non pone il veto dopo aver incontrato Draghi

Di conseguenza, la Banca d’Italia ha dichiarato venerdì che il paese è pronto per un calo del PIL compreso tra il 9 e il 13 per cento.

I dati hanno anche mostrato che l’economia si è contratta del 5,3% nel primo trimestre, peggio del 4,7% inizialmente stimato. L’ISTAT ha affermato di non aver assistito a un calo così “eccezionale” nel primo trimestre dal 1995.

Secondo uno studio di Mediobanca, le perdite di quest’anno potrebbero raggiungere i 170 miliardi di euro, equivalenti al PIL del Veneto, la terza regione industriale italiana.

Il presidente della principale associazione imprenditoriale del paese, Cofindustria, Carlo Bonomi, ha detto che ben 1 milione di posti di lavoro potrebbero essere minacciati in tutto il paese.

“Stiamo aspettando i numeri entro la fine di maggio, ma le indicazioni indicano che sono a rischio tra i 700.000 e un milione di posti di lavoro”, ha detto.

“I posti di lavoro si creano solo se c’è crescita, innovazione e investimenti. La crisi della produzione automobilistica non può essere risolta con sussidi o licenze. Puoi risolverla guardando al futuro, investendo in nuove tecnologie”.

L’Italia dovrebbe essere il principale beneficiario del piano di ripresa europeo da 750 miliardi di euro, ma potrebbe non essere sufficiente.

Un parrucchiere prende parte ad una fulminea dimostrazione di negozianti che chiedono la riapertura di negozi e attività commerciali, sul Ponte di Rialto affacciato sul Canal Grande a Venezia il 03 maggio 2020. MARCO SABADIN / AFP

Non ci sono aiuti

I cittadini italiani sono un po ‘più ottimisti, ma lungi dal festeggiare. L’epidemia ha ucciso più di 30.000 persone.

La fiducia dei consumatori è scesa da 100,1 punti a maggio a 94,3 a marzo, il livello più basso da dicembre 2013.

READ  Un dipendente di un ospedale italiano ha guadagnato £ 465.000 nonostante non abbia lavorato per più di 15 anni

Mentre lo Stato pagava ferie o sussidi a coloro che non erano più in grado di lavorare, molti si erano intrufolati nella rete.

Tra loro c’è Eleonora Vogliaco, 35 anni, insegnante di fitness e nuoto in Lombardia, la regione più colpita dove le palestre erano chiuse a fine febbraio.

“Non avevo diritto a una borsa di studio statale di 600 euro al mese perché l’anno scorso ho vinto più di diecimila euro”, ha detto a France Press.

“Durante la crisi, ho attraversato giorni sereni e giorni in cui mi sentivo completamente perso, senza alcun aiuto da parte dello Stato. Non vedevo più il futuro e non sapevo a cosa aggrapparmi”. “Non compro niente”, ha detto Vogliaco, “dipendo dal mio compagno di shopping”.

“Questa situazione ha cambiato lo stile di vita di tutti (e) tutto sarà molto complicato” in futuro, ha aggiunto.

Secondo un sondaggio Confcommercio-Censis pubblicato martedì, il 53% delle famiglie italiane vede il proprio futuro in modo negativo e il 68% vede il futuro del Paese in modo negativo.

A causa del blocco, il 42% delle famiglie è stato costretto a ridurre il proprio lavoro e reddito, il 26% ha smesso di lavorare e il 24% è stato licenziato.

Sei famiglie su 10 temevano di perdere il lavoro e di conseguenza il 28% ha deciso di non prendersi ferie o lunghi fine settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *