L’Italia sequestra la proprietà dell’oligarchia russa Mortasho

Alexei Mortashov, presidente del consiglio di amministrazione di Chevrolet, partecipa alla sessione del 3 giugno 2021 del Forum economico internazionale di San Pietroburgo (SPIEF) a San Pietroburgo, Russia. REUTERS/Evgenia Novozhenina

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

ROMA, 18 mar. (Reuters) – L’Italia ha sequestrato il வளாக complesso edilizio da 105 milioni di dollari (116,2 milioni di dollari) sull’isola mediterranea della Sardegna di proprietà dell’imprenditore russo Alexei Mortasho, ha detto venerdì l’ufficio del premier Mario Troki.

La mossa faceva parte di una più ampia spinta occidentale per punire i ricchi russi associati al presidente Vladimir Putin dopo l’invasione dell’Ucraina del 24 febbraio. Per saperne di più

Questa è la seconda volta in questo mese che i beni di Mortasho, l’uomo più ricco della Russia, vengono sequestrati in Italia. La sua barca di 65 metri (215 piedi), la “Lady M”, è stata confiscata dalla polizia il 4 marzo. Per saperne di più

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Mortashov, 56 anni, è il figlio di un operaio di una cartiera che è diventato un magnate dell’acciaio con un patrimonio netto di 29,1 miliardi di dollari.

Nelle ultime due settimane, la polizia italiana ha sequestrato ville e barche per un valore di oltre 780 milioni di euro a sette ricchi russi nell’elenco delle sanzioni dell’UE dopo l’attacco all’Ucraina.

Il bene più prezioso mai sequestrato è stata una super barca del miliardario Andrey Igorevich Melnichenko, del valore di circa 30.530 milioni e sequestrata sabato scorso nel porto nord di Trieste. Per saperne di più

READ  FM tunisini e italiani discutono dei progressi della Libia

Altri russi presi di mira finora in Italia sono Alisher Usmanov, Vladimir Soloviev, Gennady Timchenko, Oleg Savchenko, Petr Aven.

($ 1 = 0,9086 euro)

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Relazione di Christian Palmer; Montaggio di Gavin Jones e Agnieszka Flock

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *