L’Italia restituisce il frammento del Partenone alla Grecia, scuotendo il dibattito sui marmi nel Regno Unito

Il museo archeologico regionale della Sicilia ha spedito un frammento del tempio del Partenone al Museo dell’Acropoli di Atene, dove rimarrà in prestito a lungo termine. Alcuni hanno interpretato la mossa come una spintarella da incoraggiare il British Museum, che detiene la più grande collezione di sculture del Partenone al mondo, a seguire l’esempio.

Il frammento in questione raffigura il piede destro e parte dell’abito della dea greca Artemide, la cui somiglianza marmorea un tempo sedeva sul trono sul lato orientale del fregio ionico di 520 piedi che circondava il tempio. La lastra è stata svelata in una cerimonia al Museo dell’Acropoli oggi, 10 gennaio, e si è aggiunta alla sua rappresentazione a grandezza naturale del Partenone, che combina sia marmi originali che copie in gesso di quelli ancora conservati al British Museum e altre istituzioni straniere .

Parte della collezione del Museo Archeologico Regionale Antonio Salinas in Sicilia, la piccola scultura sarà in prestito al Museo dell’Acropoli per i prossimi quattro anni, dopodiché l’accordo potrà essere rinnovato una volta. In cambio dell’ambito frammento, il museo italiano riceverà in prestito una statua di Atena risalente al V secolo a.C. e un’anfora geometrica dell’VIII secolo a.C.

Il pezzo è stato aggiunto al fregio del Museo dell’Acropoli, che combina sia marmi originali che copie in gesso di frammenti spostati.

Il piede divino proviene dalla collezione del diplomatico e mercante d’arte britannico Robert Fagan, nominato console generale per la Sicilia e Malta all’inizio del XIX secolo. Alla sua morte la vedova vendette la lastra al Museo Regio dell’Università di Palermo, l’attuale Museo Salinas. Non è chiaro come Fagan sia arrivato a possedere il frammento.

Le sculture del Partenone sono talvolta chiamate “I marmi di Elgin” in onore del funzionario britannico che se ne andò con metà del lotto tra il 1801 e il 1805, quando Atene era sotto il dominio ottomano. Sebbene alcuni pezzi d’arte del Partenone spostati siano sparsi nelle istituzioni di tutta Europa, la parte del leone è ospitata nel British Museum, che elenca le opere su un “Oggetti contestati”Sezione del suo sito web pur mantenendo il suo incrollabile rifiuto di rimpatriarli.

READ  La fusione italo / celtica di Roberto unisce spiritualmente i musicisti

La Grecia ha chiesto instancabilmente il ritorno permanente delle sculture del Partenone, ma la posizione del Regno Unito si è appena mossa in un dibattito che risale a decenni fa. Lo scorso marzo, il primo ministro Boris Johnson affermato la posizione del governo del Regno Unito secondo cui i marmi sono stati “acquisiti legalmente”. Pochi mesi dopo, tuttavia, un portavoce di Johnson ha affermato che “il possesso dei marmi è una questione prettamente del museo”, spostando l’onere sull’istituzione e lontano dal governo nazionale.

Il frammento del Partenone è stato svelato in una cerimonia alla presenza del Primo Ministro greco Kyriakos Mitsotakis, del Ministro della Cultura Lina Mendoni, del Direttore del Museo Salinas Caterina Greco e del Direttore del Museo dell’Acropoli Nikos Stampolidis, tra gli altri.

Anche se lo è non esattamente un atto di generosità non ricambiata, il prestito temporaneo italiano potrebbe aprire la strada al “ritorno indefinito” del frammento ad Atene, secondo un dichiarazione dal Museo Salinas. Alcuni sperano che l’accordo avrà ripercussioni di gran lunga maggiori, incoraggiando il Regno Unito a fare mosse simili.

“L’accordo di collaborazione e benevolenza di Palermo e la restituzione del ‘frammento Fagan’ al monumento di appartenenza, nonché la sua collocazione nel fregio del Partenone, per rimanervi ‘sine die’, con atto di approvazione il Il Ministero della Cultura italiano, potrebbe aprire la strada a un accordo simile con un atto di approvazione da parte del Parlamento britannico”, ha detto a Hyperallergic Nikos Stampolidis, direttore generale del Museo dell’Acropoli.

Gli studenti possono iscriversi a una residenza completa a Portland, ME o a una residenza bassa da qualsiasi parte del mondo. Fai domanda entro il 21 gennaio per essere preso in considerazione per una borsa di studio a iscrizione intera.


“Il personale ha già curato il più recente vandalismo a Indian Head, ma gran parte del danno è, sfortunatamente, permanente”, hanno affermato i funzionari del parco del Big Bend National Park in Texas.


Usando un realismo magico e senza mai adottare l’approccio previsto, il regista georgiano Alexandre Koberidze chiede agli spettatori di prestare maggiore attenzione a loro in tutto il mondo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *