L’Italia può essere un giocatore importante contro l’Iran?

Negli ultimi tre anni, all’Italia è mancato un ruolo influente nel fascicolo iraniano. Ma da quando il governo di Mario Draghi è salito al potere – e l’amministrazione Biden ha cambiato posizione nei confronti dell’Iran – l’Italia ha indicato, ancora una volta, di voler emergere tra i principali attori di questa cruciale ma complessa questione. Il successo che può ottenere dipenderà dai passi che è disposto a compiere.

Europa separatista

Dal 2018, i cosiddetti paesi E3 (Francia, Germania e Regno Unito) hanno guidato una politica nei confronti dell’Iran volta a preservare l’accordo nucleare del 2015 (noto anche come JCPOA, o Joint Comprehensive Plan of Action), nonostante gli Stati Uniti ritiro e reimposizione delle sanzioni. Insieme all’ex Alto rappresentante dell’Unione Europea Federica Mogherini, i tre principali paesi europei Viene considerato l’accordo “ Un risultato importante dell’architettura di non proliferazione nucleare globale ” e ha preso le distanze dalle azioni intraprese dagli Stati Uniti sotto l’ex presidente Donald Trump durante la campagna di “massima pressione” contro l’Iran.

Tra il 2019 e il 2020, l’E3 ha adottato diverse misure per garantire la sopravvivenza dell’accordo. Il fattore principale era l’istituzione INSTEXÈ un meccanismo commerciale che avrebbe dovuto facilitare il commercio legittimo con l’Iran nonostante le sanzioni statunitensi, ma è rimasto in gran parte inefficace.

Un altro passo importante è stato il lancio EmasohMissione di osservazione marittima a guida europea nello Stretto di Hormuz. L’iniziativa, guidata dalla Francia, mirava a completare gli attuali sforzi per la sicurezza marittima evitando qualsiasi collegamento con la missione guidata dagli Stati Uniti (IMSC, o International Maritime Security Construct) e la campagna di massima pressione di Washington. L’obiettivo era ridurre le tensioni nel Golfo tra Iran e Stati Uniti e i suoi alleati nella regione.

Bassa immagine dell’Italia durante i governi Conte

Il ruolo dell’Italia in entrambe le iniziative è stato minimo: a differenza Altri paesi dell’Unione EuropeaE nonostante l’impegno dell’allora presidente del Consiglio Giuseppe Conte ‘Rafforzare il meccanismo finanziario dell’Unione europea‘L’Italia non è mai entrata a far parte di INSTEX, considerando che il meccanismo difficilmente riuscirà a migliorare il commercio legittimo con l’Iran, ma lo considera anche molto provocatorio nei confronti degli Stati Uniti. Per quanto riguarda EMASOH, mentre Roma ha deciso di sostenere politicamente la missione, non ha dato alcun contributo in natura, come fregate o ufficiali di stato maggiore, a differenza di Danimarca, Paesi Bassi e Grecia.

READ  7 pescatori spostano SC per ottenere una quota di risarcimento di 2 crore di Rs nel caso dei marines italiani

La motivazione alla base della scelta di mantenere un basso profilo sull’Iran è stata la riluttanza dell’ex governo italiano ad unirsi ad altri stati dell’Unione Europea per assumere una posizione diversa – ea volte conflittuale – nei confronti degli Stati Uniti, anche se in difesa di un accordo che L’Italia si considera. I loro interessi di sicurezza.

Anche in questa posizione c’era un elemento di solidarietà ideologica. Durante la sua visita negli Stati Uniti nel giugno 2019, allora vice primo ministro e leader del partito Lega di destra Ha dichiarato Matteo Salvini Quello e ‘il rapporto dell’Italia con Teheran [had] È cambiato, poiché è impossibile mantenere normali relazioni con un paese che vuole distruggere Israele ”. Questo rappresenta uno sforzo per forgiare una visione comune con l’amministrazione Trump e per differenziare l’Italia dagli altri paesi europei. In generale, tuttavia, la politica estera, anche in Medio Oriente, non si è distinta come una priorità assoluta per il precedente governo italiano, nemmeno per quanto riguarda i dossier di sicurezza come il Mediterraneo orientale e la Libia, che tradizionalmente erano stati nel cuore. d’Italia. Preoccupazioni strategiche.

Interesse rinnovato ma passi titubanti

Ma negli ultimi tre mesi l’approccio dell’Italia alla politica estera è cambiato. Da quando il nuovo governo, guidato dall’ex presidente della Banca centrale europea Mario Draghi, ha preso il potere e nonostante Luigi Di Maio del populista Movimento Cinque Stelle sia rimasto Ministro degli Affari Esteri, l’Italia ha ripristinato parte della sua attività di politica estera.

Il primo viaggio all’estero di Draghi da quando è entrato in carica, ad esempio, è stato in Libia, a indicare l’importanza che il nuovo governo attribuisce al Paese e al Mediterraneo in generale, a differenza della precedente amministrazione. Anche l’Italia ha aderito all’E3 e agli Stati Uniti in dichiarazioni di politica estera su paesi che vanno da Iraq per Siria E il A cui, Ancora una volta che mostra una rottura con il passato.

READ  Il Primo Ministro italiano solleva la questione della ridistribuzione dei migranti al prossimo vertice dell'Unione europea - EURACTIV.com

Per quanto riguarda l’Iran, questo nuovo corso di politica estera italiana non ha ancora fatto molta differenza nell’opinione pubblica. Sollevato di cambiare la posizione degli Stati Uniti nei confronti dell’Iran dopo l’elezione del presidente Biden, e dopo quasi tre anni di silenzio, a gennaio. L’Italia ha apprezzato Del rilancio del sostegno dell’Unione Europea al JCPOA e si dichiara pronta a sostenere qualsiasi iniziativa volta a ripristinare l’accordo.

A marzo mi sono offerto di svolgere il ruolo di mediatore tra Washington e Teheran nel dossier nucleare. I funzionari statunitensi non erano d’accordo con l’offerta, che invece si sono impegnati in colloqui indiretti con le loro controparti iraniane a Vienna. Pubblicamente, le mosse dell’Italia erano solo dichiarazioni rinnovate in Sostieni l’accordo e gli sforzi Per facilitare la sua rinascita.

Molta scala

Tuttavia, la visita del ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif a Roma il 16 maggio, seconda tappa di un viaggio ufficiale in Europa e il suo ultimo tour prima delle elezioni presidenziali iraniane, ha fornito all’Italia la prima occasione per indicare la propria disponibilità a svolgere un ruolo maggiore. nel fascicolo Iran oltre le semplici dichiarazioni. in questa occasione, Di Maio ha appena confermato L’importanza dei colloqui di Vienna e il compromesso sul piano d’azione globale comune. Ha indicato l’interesse dell’Italia ad espandere le relazioni bilaterali in campo politico, economico e culturale, ma senza suggerimenti concreti su come farlo, lasciando alquanto discutibile la dichiarazione di intenti.

Ci sono aree in cui l’Italia potrebbe fare la differenza e dovrebbe iniziare a lavorarci attivamente se volesse essere un attore di primo piano in Iran. Potrebbe, ad esempio, facilitare un dialogo sulla sicurezza regionale, magari attraverso La pista diplomatica per la missione EMASOH, Che mira a “identificare modi per allentare le tensioni e promuovere il rafforzamento della fiducia nel settore marittimo”, impegnandosi con gli stati regionali e i membri partecipanti di EMASOH.

READ  I pasti all'aperto potrebbero aiutare a ricostruire il reddito di Little Italy?

Ciò è particolarmente importante nelle fasi successive a un possibile accordo sul PACG ed è una priorità fondamentale per tutti i paesi coinvolti. Roma potrebbe anche investire la sua capitale politica nel tentativo di ripartire E4 parla, Interrotto dalla fine del 2019, ma che fino ad allora ha permesso all’Italia – insieme al Gruppo E3 – di dialogare con l’Iran su questioni regionali a livello di direttori politici.

In vista della possibilità che i colloqui di Vienna portino a un compromesso sull’accordo nucleare, l’Italia dovrebbe anche esplorare strade di accomodamento Esportazione di linee di credito e garanzie All’Iran, simile al grande accordo di credito tra Invitalia Global Investment e banche iraniane annunciato nel 2016. Ciò faciliterebbe la ripresa degli scambi tra Iran ed Europa dopo la revoca delle sanzioni. Infine, l’Italia dovrebbe esplorare modi per rendere i meccanismi simili a INSTEX più efficienti in futuro, prepararsi alla possibilità che una futura amministrazione statunitense adotti una politica dell’UE divergente e aumentare le possibilità che tali strumenti possano consentire legami economici legittimi e sostenibili – non solo con l’Iran, ma con Tutti i paesi che l’Europa considera nel suo interesse, indipendentemente dalla posizione degli Stati Uniti.

Senza nessuno di questi passaggi, e nonostante gli sforzi del Primo Ministro Draghi per riportare l’Italia a essere un attore di primo piano sulla scena internazionale, è improbabile che l’Italia faccia la differenza nel dossier iraniano e rimarrebbe invece ai margini.

Le opinioni espresse in questo commento sono quelle dell’autore e non rappresentano le opinioni di RUSI o di qualsiasi altra organizzazione.

Foto banner: Primo Ministro italiano Mario Draghi. Per gentile concessione di Reuters / Alamy Stock Photo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *