L’Italia preme per inviare rifiuti illegali dalla Tunisia |

TUNISI – Italia e Tunisia giovedì hanno premuto per la rimozione di centinaia di tonnellate di rifiuti scaricati e immagazzinati illegalmente nel porto di Sass, nel distretto nordafricano.

Nell’estate del 2020, i funzionari doganali tunisini hanno confiscato 282 container spediti dall’Italia che contenevano rottami di plastica per il riciclaggio industriale, dicono i documenti.

Ma i contenitori contenevano una miscela di rifiuti domestici la cui importazione è vietata dalla legge tunisina.

Con 90 giorni per recuperare l’inventario dal 9 dicembre, Swilpo Resource Ambiently SRL. Città di Soos.

I gruppi di sicurezza tunisini hanno condannato la mancanza di azione.

“Le autorità tunisine e italiane non si sono impegnate a ritirare questi rifiuti. Le loro candele sono inaccettabili”, ha detto Hamdi Seben del Tunisia Verde.

Seben, un esperto di gestione dei rifiuti, ha detto che la protesta avrà luogo domenica fuori dal porto di Soos.

Lo scandalo dei rifiuti è scoppiato dopo che l’ex ministro dell’ambiente tunisino Mustafa Aruy è stato licenziato a dicembre e arrestato, anche da funzionari della dogana.

Un totale di 26 sospetti, tra cui Aroy, sono sotto processo, ha detto Gnimi, incluso il manager di una società di importazione tunisina.

La Tunisia ha accusato l’azienda italiana di non aver rispettato i termini per la rimozione dei contenitori dalle salse.

“Le autorità tunisine stanno compiendo grandi sforzi diplomatici per trovare una soluzione di compromesso il prima possibile … ma la società italiana è in declino”, ha detto Ali Abbas, che gestisce il caso per la Tunisia.

Il commercio di rifiuti è in forte espansione

Il commercio globale di rifiuti è in crescita poiché i paesi più industrializzati e urbanizzati smaltiscono i rifiuti nei paesi in via di sviluppo.

READ  Il giornalista italiano Juventus ha solo due centrocampisti di qualità - Juvef.com

Ad agosto, l’Interpol ha avvertito che le organizzazioni criminali stavano approfittando dell’esportazione di rifiuti illegali, soprattutto in Asia e in altre parti del mondo.

I rifiuti spesso finiscono in paesi insostenibili e sopportano un grande inquinamento quando i rifiuti vengono bruciati e scaricati sulla terra invece di essere riciclati.

Il contratto di Soreblast con una società italiana di raccolta e trattamento dei rifiuti nella regione meridionale della Campania prevede che scaricherà fino a 120.000 tonnellate di rifiuti per 48 euro (59 dollari) a tonnellata – per un totale di cinque milioni di euro.

L’8 luglio, i funzionari tunisini hanno confiscato i container e li hanno rispediti in Italia, hanno detto i funzionari della dogana.

Ma sono in Tunisia.

Il caso lancia l’allarme in Tunisia, a poche centinaia di chilometri dall’Europa.

Secondo un recente rapporto della Banca mondiale, solo il 61% dei rifiuti viene raccolto nella capitale, Tunisi, e la maggior parte finisce in terreni aperti.

Protesta ambientale

Tunis Verde, una coalizione di gruppi ambientalisti, sta assumendo il governo.

L’esperto di gestione dei rifiuti e membro del Tunisino Verde, Hamdi Seben, ha detto che il caso mostra “grandi lobby” che giocano in Tunisia.

Ha affermato che negli ultimi anni il ministero dell’Ambiente è stato sottoposto a forti pressioni da parte dei commercianti che vogliono importare rifiuti.

Bechir Yahya, capo dell’agenzia nazionale di riciclaggio della Tunisia Anget, ha accusato la dogana di essere ammessa in Tunisia “senza l’approvazione ufficiale”.

Ma Angkat, che opera sotto il ministero delle Dogane e dell’Ambiente, ha dato il via libera per rimuovere i primi 70 container dal porto.

In uno scambio di e-mail tra Yahya e funzionari doganali, ha detto che dopo aver visto i risultati dei campioni prelevati dai rifiuti, ha visto che “non ci sono obiezioni all’importazione di questi prodotti di plastica பொருட்களை nessun prodotto pericoloso”.

READ  La leggenda dei Rangers Cassa tornerà emotivamente in italiano, sono diventato una celebrità dopo un trapianto di spalla

Yahya ora afferma che l’e-mail rivelava solo la sua “opinione personale” e che “non era un documento ufficiale” e che i funzionari doganali erano consapevoli che ciò non era sufficiente per autorizzare il diniego di importazione.

Esperti giudiziari stavano esaminando il contenuto dei container, ha detto il direttore del porto, ma si sono rifiutati di consentire ai giornalisti l’accesso alla spazzatura nonostante l’approvazione dei ministeri competenti.

Gli ambientalisti sono preoccupati per cosa sarebbe successo se il caso non fosse venuto alla luce.

“Questa è la taglia più grande che la Tunisia può seppellire, dove sarebbe stata spedita?” Ha detto Seban.

Questo scandalo ha attirato molta attenzione nel commercio globale di rifiuti, che è cresciuto in violazione di rigide normative volte a impedire ai paesi ricchi di scaricare rifiuti pericolosi nei paesi poveri.

Il commercio globale di rifiuti è in crescita poiché i paesi più industrializzati e urbanizzati smaltiscono i rifiuti nei paesi in via di sviluppo.

Nell’agosto 2020, l’Interpol ha avvertito che le organizzazioni criminali avevano beneficiato della “massiccia” rivolta nell’esportazione di rifiuti illegali, non solo in Asia in particolare, ma in altre parti del mondo.

I rifiuti spesso finiscono in paesi che non sono in grado di gestirli, quindi invece di riciclarli incorrono in rifiuti e subiscono un grande inquinamento quando vengono scaricati a terra.

La Tunisia non dispone delle infrastrutture adeguate per trattare i rifiuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *