L’Italia in trattative per centri vaccinali con finanziamenti statali

Il direttore generale della regolamentazione farmaceutica del paese afferma che il governo del primo ministro Mario Draghi è in trattative per creare centri di produzione di vaccini in Italia utilizzando fondi statali.

In un’intervista a Bloomberg, Nicola Magrini, presidente dell’Agenzia farmaceutica italiana o AIFA, ha detto che il governo sta valutando la possibilità di finanziare il progetto, che costerebbe circa 200-200 milioni. Il vaccino Covit-19 è approvato dall’Agenzia farmaceutica europea, che ha rifiutato di dire cosa fosse.

“Ci sono discorsi molto avanzati”, ha detto lunedì Magrini, 59 anni, ex scienziato dell’Organizzazione mondiale della sanità al suo ufficio di Roma. Il suo obiettivo è avviare la produzione nel quarto trimestre, terminando la produzione dall’inizio alla fine, “andando oltre la capacità di riempimento e rivestimento per produrre una massa reale”, ha affermato.

Mentre Tracy fa pressione sui produttori farmaceutici per accelerare la fornitura di vaccini, gli sforzi dell’Italia per sviluppare la capacità interna sono arrivati, con i funzionari che parlano con gli amministratori delegati per continuare a cercare prodotti aggiuntivi e portare avanti le forniture.

Obiettivo di pericolo

Bloccando l’economia colpita dal disastro, il governo potrebbe perdere l’ultimo obiettivo di 500.000 vaccini al giorno entro la fine di questo mese. L’Italia è in ritardo rispetto a Germania, Francia e altri partner nei vaccini, principalmente a causa dei ritardi nella fornitura AstroGeneca PLC

Per saperne di più: le tragiche pressioni dell’Italia sono enormi Pharma Come bersaglio del vaccino

I ritardi nelle consegne hanno innescato tensioni con i leader regionali. Vincenzo de Luca, il governatore di Napoli, ha promesso di boicottare gli incontri con il governo romano se non riceverà la dose promessa di 200mila entro la fine di questo mese, riporta il quotidiano Courier della Cera.

READ  L'Unione Europea (UE) ha detto che lancerà un giro di vite sulla legge italiana sui media

Macrini ha detto che l’obiettivo per la produzione di vaccini pianificata in Italia sarebbe stato implementato in collaborazione con l’Unione europea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *