L’Italia ha un nuovo modo per combattere gli straordinari

(CNN) – Selby davanti a Venere di Bodicelli. David è vicino alla mascolinità. Ostacoli per salire in cima al famoso Diomo.

Agli albori di Holcian, Florence ha lottato contro il sovraffollamento. Al suo centro c’era la Galleria degli Uffizi, uno dei musei più famosi al mondo.

Nel suo luogo più affollato passavano 12.000 visitatori al giorno, spesso senza andare oltre le opere d’arte rinascimentali per scattare selfie con i grandi battitori: Venezia di Bodicelli, la Sacra Famiglia di Michelangelo e Venere di Arbino di Titano.

Ci sono molte code orarie per entrare, e una volta nella vita UFC è nell’elenco dei posti in cui dovresti davvero andare, ma l’esperienza può essere molto stressante, una volta scelta, dovresti continuare.

Inoltre, molti turisti si sono comportati male e le autorità fiorentine hanno dovuto lanciare una campagna di buon comportamento, Goditi la cortesia Florence, Coloro che fanno un picnic o si siedono fuori o catturano monumenti con graffiti saranno multati fino a 500 (8.608).

L’epidemia, ovviamente, ha fatto di tutto questo un ricordo del passato. Ma prima che il viaggio riapra, il direttore di UFC vuole assicurarsi che le cose non tornino dove erano prima. Un modo per confermarlo? Sono esclusi i visitatori provenienti da Firenze.

Entra nel programma degli Uffizi Diffusi. Significa “ufficio sparso”, che è una riprogettazione del concetto italiano di “hotel sparso”, in cui le singole “stanze” sono situate in diverse case di un villaggio.

Nell’ambito del progetto, le opere d’arte conservate nel deposito degli Ufizi saranno esposte in tutta la Toscana, trasformando la parte più famosa d’Italia in un grande museo “sparso”.

Le città ei paesi della Toscana ora suggeriscono edifici che potrebbero essere trasformati in sedi espositive.

Il direttore degli Ufizi Eke Schmidt ha detto a CNN Travel che l’idea gli è venuta durante la serrata del 2020 e che aveva trascorso molto tempo a chiudere il museo per rendere possibili siti e collegamenti alle opere d’arte.

Scopo? “Per creare un diverso tipo di turismo”, ha detto, aggiungendo che “creerebbe una cultura di base nella vita quotidiana delle persone”.

“L’arte non può vivere solo nelle grandi gallerie”, ha detto.

“Abbiamo bisogno di molti spazi espositivi nella regione, soprattutto nei luoghi in cui nasce l’arte stessa.

READ  L'Italia dà il via ai Campioni del Mondo di Trial...

L’arte non è isolata

La folla ha preceduto l’epidemia nelle gallerie degli uffici per opere d’arte come la “Nascita di Venere” di Bodicelli.

Glass Bloom / Image Alliance / Getty Images

Questa non è la prima volta che Schmidt presta opere d’arte alle città locali. Nel 2019, nel 500 ° anniversario della sua morte, ha inviato una mappa paesaggistica scritta da Leonardo da Vinci alla città natale dell’artista, Vinci.

Nella Toscana orientale, nella battaglia di Angiari nel XV secolo, la mostra del 2019, tenutasi ad Angiari stessa, quadruplica il numero di visitatori rispetto al precedente record del museo locale, afferma.

“Gli Uffizi non sono un museo isolato in mezzo al nulla, ma l’apice di un paesaggio pieno di meraviglie, arte e bellezze naturali”, ha detto del progetto Vinci, che rappresenta una “opportunità unica” di disegnare ed entrare nel paesaggio .

100 nuove sedi espositive

Piazza del Anfidetro a Luca

Città della Toscana, tra cui Luca, volontario per le sedi espositive.

Shutterstock

I dettagli del nuovo progetto degli Ufizi Diffusi sono stati nascosti, ma Schmidt Tuscany progetta “almeno 60, anche 100 sedi espositive” in tutto il paese, indicando che un tempo includevano una villa della famiglia Medici nel Montelopo Fiorentino. , Mezz’ora a ovest della città di Firenze; Città portuale Livorno; Belly Epoch Termine Città Termale Montecodini; E Kirki, un’altra villa medicea si trova a est di Firenze.

Dall’annuncio del progetto, altre città interessate a farne parte hanno offerto proprietà nella città costiera in stile Liberty di Viregio (nella foto sopra), tra cui Cervessa (dove si trova un’altra villa medicea) e il Palazzo duca della città. Sede del potere dal XIV secolo.

Questi non sono solo spazi espositivi per prendere una nuova prospettiva di vita. Il progetto è “un’opportunità per recuperare parte del lavoro”, ha detto Schmidt.

READ  "Zero", una serie tv italiana che spera di rompere gli stereotipi razziali

Florence disperde la folla dalla luna di miele

Termine Montecadini

Turn-off-Century Spa Town Montecadini Derme vuole essere parte di questo progetto.

Getty Images

Tuttavia, c’è uno scopo serio dietro l’arte. Come coppia di Firenze per un ritorno al turismo di massa, Schmidt vuole che il progetto Diffusi rimuova il caldo di Firenze e promette lavori con “nomi familiari” per aiutare a disperdere la folla.

“È anche importante a livello locale che la creazione di nuovi posti di lavoro e posti di lavoro sia sostenibile”, ha detto alla CNN.

Ha anche affermato di voler portare i toscani faccia a faccia con il loro patrimonio, aggiungendo che l’attuale “sistema culturale è basato sul turismo straniero”.

La gente del posto viene spesso agli Ufizi in cerca di opere di artisti dei loro villaggi. Ma l’esperienza complessiva potrebbe distoglierli dal godersi il singolo dipinto che vengono a vedere, oppure potrebbe essere in deposito invece che in mostra.

Ufizi Diffusi mira a riportare l’arte nel luogo da cui proveniva originariamente, collegando le persone direttamente con il loro patrimonio.

La Villa Medicea di Cervessa è una delle sedi dell'Ufficio Diffuso.

La Villa Medicea di Cervessa è una delle sedi dell’Ufficio Diffuso.

Ricardo Gillardi / Getty Images per Rachel Hornanian

Non preoccuparti se ti perdi una visita a Firenze: c’è molta arte in giro.

“Ci sono già più di 3.000 opere d’arte in mostra all’UFG – questo è sufficiente”, ha detto Schmidt alla CNN.

“Attualmente UFC Diffuse porta alla luce opere d’arte che nessuno può vedere in un ambiente tranquillo e molto intimo”.

La prima fase del progetto è prevista per questa estate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *