L’Italia ha ritrovato la via del ritorno in Libia

Venerdì 16 aprile 2021

L’Italia ha ritrovato la via del ritorno in Libia

MENASource
di
Karim Mezran e Alisa Pavia

Il Primo Ministro italiano Mario Draghi e il Primo Ministro libico Abdel Hamid Dabaiba durante una conferenza stampa congiunta, a Tripoli, Libia, 6 aprile 2021. Reuters / Hazem Ahmed

Sopra 6 aprileIl primo ministro italiano Mario Draghi ha incontrato a Tripoli il suo omologo libico Abdelhamid Dabaiba. È stata la prima visita di Stato del primo ministro italiano da quando è entrato in carica il 13 febbraio. Soprattutto, la visita è avvenuta in un momento in cui la Libia stava entrando in una nuova fase di transizione politica. L’ultimo cessate il fuoco un accordo È stato firmato il 23 ottobre 2020 dalle due principali fazioni – il Governo di Accordo Nazionale con sede a Tripoli e sostenuto dalle Nazioni Unite, e l’Esercito Nazionale Libico guidato dal Maggiore Generale Khalifa Haftar e con sede a Bengasi – per l’elezione di un governo unificato guidato dal primo ministro libico Dabaiba.

La visita del premier italiano, seppur breve, si è concentrata su alcuni temi importanti. Ha sottolineato che questo è un momento unico per i due paesi per “ricostruirne uno antico”. amicizia“, In riferimento alla cooperazione economica e politica di lunga data che Italia e Libia hanno condiviso negli anni. Il premier Draghi ha mostrato molto entusiasmo per iniziare”.futuro” E per farlo. “VelocementeAggiungendo che il cessate il fuoco per il 2020 deve essere “rigoroso Osservato. “

I due paesi hanno condiviso molti interessi comuni, che sono stati discussi durante la visita. In particolare, il colosso petrolifero italiano Eni ha investimenti strategici in Libia (nel 2019, Italia Esportare L’8% del suo gas naturale proviene dalla Libia.) Non sorprende, quindi, che Draghi abbia parlato di intensificare la cooperazione con la Libia in Elettricità E il energia Settori. L’immigrazione, che è un’altra delle maggiori preoccupazioni, è stata anche toccata quando Draghi ha affermato di apprezzare molto la Libia. sforzi Salvare i migranti in mare e combattere il traffico di esseri umani – dichiarazioni duramente criticate per la pericolosa e spaventosa situazione della detenzione in Libia I campi.

READ  GameStop condivide più del doppio, WallStreetBets celebra

Indipendentemente da ciò, è probabile che la cooperazione tra i due paesi superi ciò che i due leader hanno detto pubblicamente. In effetti, molti credono che l’Italia prenderà l’iniziativa nella ricostruzione di Tripoli un aeroporto, Un progetto commissionato tre anni fa all’impresa edile italiana Ines. Si dice anche che l’Italia intraprenderà una lunga costruzione autostrada Lungo la costa mediterranea libica, che collegherà la Tunisia all’Egitto attraverso la Libia.

La visita di Draghi in Libia è un passo importante per il rinnovamento del ruolo dell’Italia in Libia e nella più ampia regione del Mediterraneo, un passo da non trascurare. L’Italia può aprire la strada a diventare un attore importante nella gestione delle crisi e delle sfide nella regione. Infatti, due settimane prima del viaggio di Draghi, il 21 marzo 2021, il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio incontrò Con Dabaiba e i due vicepresidenti del Consiglio presidenziale libico, Musa Al-Koni, Abdullah Al-Lafi, e il ministro degli Affari esteri Najla Al-Mankush Durante la sua visita, Di Maio ha parlato di “importanza del geostrategismo”. InteressiI due paesi condividono ed evidenziano l’intenzione dell’Italia di aiutare Stabilizza Nazione. Va notato che Di Maio è stato il primo ministro dell’Ue a visitare il neo eletto primo ministro libico. La prontezza con cui Di Maio ha colto l’opportunità di visitare il Paese è stato un segnale davvero forte che l’Italia era pronta a diventare un partner strategico nella regione – e lo ha confermato la visita di Draghi.

L’Italia ha molti motivi per essere un partner vitale per la Libia e gli altri paesi della regione. Ad esempio, l’Italia e la Libia condividono legami storici che risalgono al 1911, quando l’Italia occupò per la prima volta Tripoli e la Cirenaica, due aree più tardi conosciute come Libia. Per decenni, le relazioni italo-libiche hanno visto punti alti e bassi. Di particolare rilievo è stato il 2008 Firma Il Trattato di Bengasi tra l’allora Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e il dittatore Muammar Gheddafi, un accordo che ha stabilito l’Italia come un partner forte e affidabile per la Libia.

READ  Ultime: ICE non effettuerà arresti nei siti di vaccinazione | Notizie di affari

L’Italia è anche uno dei pochi Paesi che ha mantenuto una forte presenza sul territorio anche prima della cacciata di Gheddafi, ma soprattutto negli ultimi anni durante l’intensificarsi della guerra civile. L’Italia infatti non ha mai chiuso la sua ambasciata a Tripoli, mentre molti altri Paesi – tra cui Francia e Stati Uniti – lo hanno fatto. Il fatto che l’Italia abbia mantenuto negli anni un ambasciatore in Libia fornisce al Paese forti legami con le istituzioni locali, rapporti che consentono agli italiani di porsi in prima linea in una potenziale partnership europea con la Libia.

Infine, l’Italia gode ora di una maggiore credibilità grazie alla nomina di Draghi a nuovo primo ministro italiano. La sua comprovata esperienza come politico affidabile deriva dalla sua lunga e proficua carriera nelle migliori istituzioni internazionali in Europa, in particolare come presidente della Banca Centrale Europea tra il 2011 e il 2019. Questa rinnovata credibilità pone l’Italia in una posizione strategica in Europa per diventare il nuovo punto di riferimento per gli Stati Uniti nei rapporti con la Libia e gli altri Paesi del Mediterraneo. Mentre la tedesca Angela Merkel si dimette e il presidente francese Emmanuel Macron affronta un’importante campagna elettorale, l’Italia è più adatta a prendere l’iniziativa nella promozione della cooperazione transatlantica nel Mediterraneo.

Tuttavia, la strada da percorrere è complicata. L’Italia deve ora agire con decisione per definire la sua strategia di politica estera e coordinarsi con i suoi alleati americani ed europei. Mentre l’amministrazione Biden volge ad est, l’Italia potrebbe svolgere il ruolo di mediatore in Libia – una strategia che Washington potrebbe essere ansiosa di accogliere, come dimostrato dal Segretario di Stato Anthony Blinken. Appunti All’incontro con la sua controparte italiana il 13 aprile. Se l’Italia dovesse posizionarsi strategicamente come mediatore per i suoi alleati, potrebbe finalmente diventare un attore importante e contribuire a ripristinare la stabilità e la sicurezza in Libia – e forse nel Mediterraneo più ampio.

READ  California residents are suffering from EDD accounts frozen

Karim Mezran Direttore della North Africa Initiative e Senior Resident Fellow presso il Rafic Hariri Center e Middle East Programs presso l’Atlantic Council concentrandosi sui processi di cambiamento in Nord Africa.

Alyssa Pavia È vicedirettore del programma Nord Africa presso il Rafic Hariri Center e dei programmi per il Medio Oriente presso l’Atlantic Council.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *