L’Italia Grecia presta il pezzo di marmo del Partenone – con la rete

Il British Museum ha rifiutato di rimborsare i marmi del Partenone, che sono stati rubati 200 anni fa, ma l’Italia ha promesso di prestare alla Grecia una parte delle patatine fritte, ma invece la Grecia ha dovuto inviare un altro tesoro in prestito.

Il Ministero greco della Cultura e dello Sport ha dichiarato ad ArtNet che il Consiglio Archeologico Centrale ha detto ai giornalisti che la transazione avrebbe avuto luogo nella sua prossima riunione entro la fine del 2021.

Foam Stone VI in Italia, un pezzo di proprietà dell’archeologo del Museo Antonio Salinas a Palermo, in Sicilia, nel congelamento orientale del Partenone. Secondo i termini e le condizioni previste dalla legge italiana, il pezzo tornerà in Grecia con un prestito di quattro anni, con l’intenzione di estenderlo per altri quattro anni.

In cambio, il blog Archaeology.wiki riporta che il Museo dell’Acropoli invierà a Palermo una statua senza testa della dea Atena. Dopo un periodo di quattro anni, la statua sarà sostituita da un vaso protozoometrico per abbinare il resto delle patatine del Partenone in Grecia.

Il nuovo governo democratico della Grecia ha offerto un prestito simile al British Museum, come sostenevano, senza una spiegazione sul fatto che i marmi rubati sarebbero ora appartenuti agli inglesi.

Il primo ministro britannico Boris Johnson, il quale, prima di entrare in carica, ha chiesto la restituzione dei marmi, dicendo che non poteva intervenire ora e che era responsabilità del British Museum Board assicurarsi che non tornassero mai in Grecia.

Il sito affermava che il British Museum era soggetto a restrizioni legali perché senza la legge che lo consentisse, nessun marmo o altri oggetti saccheggiati durante il periodo coloniale e di occupazione da parte degli inglesi potevano essere recuperati.

READ  Italian Open: Rafael Nadal sconfigge Alexander Sverre a Roma

Tuttavia, il rapporto affermava che il Regno Unito avrebbe aperto la strada al recupero dei marmi rubati, ma che sarebbe stato bloccato poiché la Grecia non aveva intenzione di restituire i suoi tesori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *