L’Italia è in crisi perché il numero dei migranti mediterranei aumenta di nove volte

A differenza dell’Italia, c’è stato un drammatico calo del numero di richiedenti asilo dalla Turchia via terra e via mare.

Coloro che raggiungono le isole greche dell’Egeo sono detenuti in campi di fortuna fatti di tende e contenitori metallici, dove rimangono per anni fino a quando non cercano rifugio.

La Grecia ha rafforzato i controlli alle frontiere: la guardia costiera greca è stata ripetutamente accusata di aver spinto barche di migranti al largo delle coste turche in violazione del diritto internazionale.

È stato recentemente riferito che la polizia greca al confine stava indagando sull’uso di controversi cannoni sonori – dispositivi sonori che esplodono rumori assordanti al confine per molestare e scoraggiare i migranti.

Il ministro di Stato greco per l’avviso sulla migrazione, Mitarachi, ha dichiarato a Reuters: “La nostra politica è rigorosa ma equa”.

Come l’Italia, la Spagna è sotto pressione, con oltre 11.000 migranti arrivati ​​via mare quest’anno. Finora quest’anno più di 5.700 migranti hanno effettuato pericolose traversate dall’Africa alle Isole Canarie, più del doppio rispetto allo stesso periodo del 2020, che ha visto un aumento di otto volte dal 2019.

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) ha affermato che 850 persone sono morte lungo la rotta l’anno scorso, suggerendo che Covit-19 abbia spinto molti lavoratori a stabilirsi in settori come la pesca o l’agricoltura.

READ  Il ristorante Allro Italia aprirà ad Abbots Langley

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *