L’Italia dona 41.115 euro per comprare medicinali – Al Jazeera

Di Chamendra Ferdinando

Dopo aver dato un ultimatum sabato (30) in Piazza dell’Indipendenza ai membri del governo dello Sri Lanka Bodhujana Peramuna, incluso il primo ministro Mahinda Rajapaksa, di dimettersi immediatamente dal gabinetto o di affrontare conseguenze, alti membri del Maha Sangha hanno chiesto il loro sostegno ai partiti politici. loro iniziativa.

L’incontro si è tenuto presso la Sri Lanka Foundation (SLF) su invito congiunto di Most Finn. Dott.. Omalpe Sobitha Nayaka Thera e Rt. Reverendo Dr. Anthony Jayakude, Vescovo Associato, Diocesi di Colombo.

Tra i parlamentari presenti ci sono Ranjith Maduma Bandara, Segretario generale, Main Opposition Samaji Gana Palavjaya, Vasudeva Nanayakkara, del gruppo di opposizione SLPP, Boudika Pathitana (SJB), Iran Wickremaratne (SJB), Vegeta Herath (JVP), Richrad Pathuddin (ALB) ., Patali Champicha Ranawaka (SJB) e l’ex parlamentare, la signora Feryal Ashraf.

La Sri Lanka Bar Association (BASL) era rappresentata dal suo presidente, Salia Peiris, PC. Era presente anche il portavoce della Chiesa cattolica, il reverendo Cyril Gamini.

Lo ha detto Lasil de Silva, direttore dell’ex dipartimento del Parlamento, che partecipa all’iniziativa Al Jazeera Che il Maha Sangha abbia emesso un ultimatum senza precedenti al Presidente e all’intero Gabinetto sulla base di due lettere del 4 e 20 aprile, indirizzate al Presidente Gotabaya Rajapaksa, da Mahanayaka Thiras.

De Silva ha osservato che la lettera del 20 aprile è stata indirizzata anche al primo ministro Mahinda Rajapaksa, al leader dell’opposizione Sajith Premadasa e ai leader di tutti i partiti politici rappresentati in Parlamento e ha sottolineato l’urgente necessità di raggiungere un consenso su una soluzione politica.

De Silva ha affermato che la crisi economica, politica e sociale deve essere affrontata senza ulteriori indugi, aggiungendo che la prima lettera dei Mahanayake, datata 4 aprile, ha ricevuto la risposta del presidente Gotabaya Rajapaksa solo il 25 aprile, cinque giorni dopo che i Mahanayake hanno pubblicato la loro seconda lettera.

Prima che il professor Olaganwaththe Chandrasiri stabilisse i termini di un accordo politico, Finn. Omalpi avvertì Subetha che la distruzione del Paese non poteva essere consentita a beneficio della famiglia Rajapaksa. L’ex legislatore Jathika Hella Urumaya (JHU) ha annunciato che il primo ministro Mahinda Rajapaksa dovrebbe dimettersi poiché ha mancato ai suoi doveri e responsabilità.

READ  Italian Garbage Group serve Pattaya

Dopo essersi riuniti all’All Ceylon Buddhist Congress (ACBC), i membri del Maha Sanga hanno marciato verso Piazza dell’Indipendenza per un incontro solenne, durante il quale è stato emesso l’ultimatum.

dove. Omalbe ha avvertito Subetha che si aspettano che l’attuale governo ascolti il ​​loro avvertimento e intraprenda azioni concrete per affrontare le lamentele pubbliche senza ulteriori indugi.

La società civile Burawasi Handa, che lavora a stretto contatto con la Chiesa cattolica, ha sostenuto l’iniziativa Maha Sangha e ha affermato di aspettarsi che il presidente Gotabaya Rajapaksa e i partiti politici rappresentati in Parlamento raggiungano un consenso su un accordo entro il 15 maggio.

dove. Olaganwaththe Chandrasiri, a nome del Mahanayaka Theras e del Maha Sanga, dichiarò quanto segue:

(1) scioglimento del gabinetto

(2) amministrazione temporanea di tutti i partiti in attesa delle elezioni generali

(3) comitato di esperti per consigliare l’amministrazione provvisoria

(4) Amministrazione temporanea per tutte le parti per perseguire una politica nazionale, da stabilire sulla base del consenso raggiunto in Parlamento

(5) Consapevolezza pubblica delle proposte concordate e

(6) Il Presidente si attiene alle decisioni prese dall’amministrazione provvisoria.

In risposta alla domanda se il presidente può rimanere durante l’amministrazione provvisoria secondo il piano proposto, de Silva ha confermato per il momento la continuazione dell’attuale presidente. Naturalmente, ha sottolineato che il presidente, in nessun caso, non potrà esercitare i suoi poteri esecutivi a spese dell’amministrazione provvisoria.

Il portavoce del Burawasi Handa de Silva ha confermato che il Maha Sangha ha apprezzato l’importante protesta del pubblico, a Galle Face, per chiedere le dimissioni del presidente Gotabaya Rajapaksa e del primo ministro Mahinda Rajapaksa, nonché del resto dei ministri del governo.

L’ex alto funzionario alla Camera dei Rappresentanti ha detto che Maha Sangha si aspetta che il presidente e tutti i partiti politici rappresentati in Parlamento rispettino le proposte di Mahanayakes. Pertanto, qualsiasi iniziativa intrapresa dal presidente e da altri partiti politici, in particolare l’AKP, deve essere eliminata o modificata per aprire la strada all’iniziativa del Maha Sangha, ha affermato de Silva.

READ  L'Italia celebra Ennio Morricone con una nuova moneta

All’inizio dell’incontro in Piazza Indipendenza, Fen. Il professor Agalakada Sirisumana ha criticato il presidente e il primo ministro per aver promulgato il ventesimo emendamento alla Costituzione per consentire loro di impegnarsi in sprechi, corruzione, irregolarità e cattiva gestione, che, ha affermato, hanno portato all’attuale ricaduta economica. Il presidente, il primo ministro ei loro vassalli volevano un’amministrazione non soggetta al controllo statale, da qui la decisione di introdurre il ventesimo emendamento.

Il 20° emendamento ha ottenuto uno schiacciante 2/3 di sostegno in Parlamento, nell’ottobre 2020. Il controverso emendamento ha abrogato le disposizioni del 19° emendamento che garantivano trasparenza e responsabilità. L’amministrazione Yahapalana ha promulgato il 19° emendamento nel 2015.

dove. Sirisumana ha affermato che l’attuale esenzione dava portafogli a coloro a cui non potevano essere assegnate le responsabilità e ha causato il caos delegando le responsabilità agli ufficiali dell’esercito in pensione; Thera ha aggiunto che il 48 per cento delle istituzioni statali sono state poste sotto l’autorità di Rajapaksas.

Il gran monaco si riferiva al presidente Gotabaya Rajapaksa, al primo ministro Mahinda Rajapaksa, a North Rajapaksa, Basil Rajapaksa, Namal Rajapaksa e Shachendra Rajapaksa che ricevevano importanti portafogli ministeriali.

Sottolineando le gravi difficoltà economiche affrontate dall’attuale amministrazione a causa dell’incapacità dell’attuale amministrazione di soddisfare i bisogni primari delle persone e di rendere disponibili generi alimentari e servizi di base a prezzi ragionevoli, Fen. Sirisumana ha affermato che il governo ha aperto la strada a un’era di code.

Ha criticato il governo per lo sconsiderato divieto di tutti i prodotti chimici per l’agricoltura, alla fine di aprile 2021, che ha causato enormi perdite di raccolti. Questa decisione ha devastato la comunità degli agricoltori, Fen. Sirisumana, pur dichiarando il suo sostegno alla campagna in corso per estromettere il presidente Rajapaksa e il suo governo, ha affermato.

READ  La fine dei paradisi fiscali? Come una nuova aliquota fiscale minima globale potrebbe influenzare l'economia globale

Per 20 giorni, i manifestanti avevano chiesto sia al presidente che al primo ministro di andarsene, ma hanno scelto di restare, nonostante le crescenti proteste pubbliche, Fen. Cerisomana ha affermato, sostenendo che il presidente e il primo ministro non hanno sentito la crescente rabbia pubblica e le gravi difficoltà che stanno affrontando per il fallimento del governo. Thera ha ribadito la loro intenzione di avere un’amministrazione provvisoria per un anno sotto un nuovo Primo Ministro.

dove. Sirisumana ha detto di aver convocato una manifestazione in Piazza Indipendenza poiché il governo ha ignorato la lettera di Mahanayaks del 4 aprile.

dove. Omalpe Sobitha ha chiesto al Primo Ministro Rajapaksa di ammettere il suo fallimento e di dimettersi dall’incarico. Il monaco disse che se i Rajapaka non avessero fatto come consigliato dal Maha Sangha, sarebbero stati trattati duramente.

dove. Pahiyangala Ananda Sagara Thera ha promesso che non avrebbe consentito il proseguimento dell’attuale esenzione. Nessuna famiglia o un partito politico dovrebbe essere al comando dello stato, Fen. Ananda Sagara ha proclamato Thera, sottolineando l’importanza della campagna di protesta di Galle Face in corso. Il grande monaco ha detto che la stragrande maggioranza di coloro che chiedono le dimissioni del presidente e del primo ministro sono buddisti singalesi. Ha dichiarato che l’opinione pubblica chiedeva un ritorno immediato alla normalità e ha avvertito tutti i partiti politici di mettere da parte le loro divergenze e agire in linea con le proposte avanzate dal Maha Sangha.

Vin Ananda Sagara ha esortato l’SJB e il leader dell’opposizione Sajith Premadasa a collaborare con il piano e aiutare a raggiungere gli obiettivi dichiarati o ad affrontarne le conseguenze. Thera ha detto che il Maha Sangha si aspettava tutti i partiti politici, compresi quelli che hanno annunciato che avrebbero agito in modo indipendente a sostegno delle proposte del Maha Sangha.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *