L’Italia depositerà un altro crore di Rs 10, afferma Enrica Lexi-Italian Navy Center Supreme Court

La Repubblica italiana non ha pagato 10 crore di rupie al governo centrale nel caso Enrica Lexi che ha coinvolto l’uccisione nel 2012 di due pescatori indiani da parte della Marina italiana.

Lo ha affermato lunedì l’Unione indiana alla Corte Suprema.

Dopo aver accettato il risarcimento offerto dall’Italia, una panchina presieduta dal Presidente della Corte Suprema dell’India ha ascoltato una domanda presentata dal governo centrale chiedendo il completamento di un procedimento penale contro due marinai italiani in India.

Il 9 aprile la Corte Suprema ha chiesto alla Repubblica Italiana di depositare 10 crore di rupie a titolo di risarcimento sul conto indicato dal Ministero degli Affari Esteri e, dopo aver ricevuto l’importo, il Ministero ne ha ordinato il deposito presso la Corte Suprema. Dall’Italia.

Il tribunale dell’apice aveva detto che avrebbe preso in considerazione la pendenza di procedimenti penali in India contro due marinai italiani per aver ucciso due pescatori indiani solo dopo aver ricevuto un risarcimento.

Oggi, quando la questione è stata sollevata, CJI Pope ha inizialmente chiesto “Dove sono i soldi?”

“Stiamo aspettando i soldi e loro (l’Italia) hanno iniziato a scambiarli”, ha risposto il consigliere del centro. L’avvocato generale Tushar Mehta non è comparso davanti a un altro banco mentre cercava di eseguire il caso.

“Lo avremo la prossima settimana. È quello che abbiamo detto all’inizio, ma lei ha detto tre giorni”, ha risposto il CJI, osservando che il procuratore generale lo aveva presentato l’ultima data e che l’importo sarebbe stato depositato presso la Suprema Tribunale entro 3 giorni.

“Ci aspettiamo una risposta rapida dall’Italia”, ha detto il consigliere federale.

READ  Ministro degli Esteri italiano: non sono tollerate sfide e azioni unilaterali contro Cipro

Il banco ha aggiornato la questione alla prossima settimana.

Il Centro aveva detto alla corte che l’India non aveva giurisdizione per avviare procedimenti penali contro la marina italiana in relazione all’incidente di tiro marittimo, secondo la sentenza del Tribunale arbitrale permanente (PCA) ai sensi della Conferenza di diritto marittimo delle Nazioni Unite. Pertanto, il procuratore generale aveva chiesto alla Corte Suprema di annullare i casi che hanno provocato i poteri ai sensi dell’articolo 142 della Costituzione, poiché il tribunale di primo grado non poteva funzionare presso la Corte internazionale di giustizia.

L’Alta Corte è stata informata che le famiglie dei pescatori deceduti avevano accettato l’offerta di risarcimento. Secondo un rapporto presentato dal Centro, il governo del Kerala ha deciso di fornire 4 crore di Rs e 2 crore di Rs ciascuno alle famiglie dei due pescatori deceduti. Al proprietario della barca “Sant’Antonio”. In precedenza, l’Italia ha pagato 2,17 milioni di rupie alle famiglie.

Nel luglio dello scorso anno, la Corte permanente di giustizia (PCA) ai sensi del diritto del mare delle Nazioni Unite ha stabilito che l’India ha il diritto di chiedere un risarcimento all’Italia per la morte di pescatori indiani. Tuttavia, il tribunale internazionale ha stabilito che l’India non aveva giurisdizione per avviare procedimenti penali perché la marina aveva l’immunità sovrana.

In seguito, il Centro ha informato la Corte Suprema che stava accettando il premio PCA e ha cercato di annullare le cause pendenti contro i Marines.

La Corte Suprema aveva comunicato al Centro lo scorso agosto che i casi non sarebbero stati archiviati senza consultare i familiari delle vittime.

READ  Nuovo dpcm, faq: Può andare nelle seconde case - Notizie

L’incidente è avvenuto il 15 febbraio 2012, a circa 20,5 miglia nautiche dalla costa del Kerala. Il peschereccio ‘St. Anthony’ ha superato la petroliera battente bandiera italiana “Erica Lexi”. Due marinai a bordo della nave – Massimiliano Ladore e Salvador Giron – pensarono erroneamente che fosse “Sant’Antonio” per una nave pirata e vi spararono. Due pescatori, Valentine Jalastin e Ajesh Pinki, sono stati uccisi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *