L’Italia aggiorna il codice della strada con il nuovo codice della strada

L’Italia frena i monopattini elettrici aggiornando il codice della strada. Ecco alcuni punti chiave.

L’Italia ha aggiornato il codice della strada con il nuovo codice della strada in vigore dal 10 novembre.

Le novità più importanti riguardano gli scooter elettrici, modalità di trasporto in crescita in Italia negli ultimi due anni, non senza polemiche.

Gli utenti di scooter elettrici non potranno viaggiare sui marciapiedi, né potranno parcheggiare sui marciapiedi o viaggiare in strade a senso unico nella direzione sbagliata.

Ridotta anche la velocità massima dei monopattini elettrici, con la riduzione del nuovo limite da 25km/h a 20km/h nelle aree pedonali (fino a 6km/h nelle aree pedonali) e dei caschi per i minori di 14 anni.

C’è stato un dibattito in Parlamento sul divieto dell’uso degli e-scooter per i minori e sull’obbligo per gli adulti di indossare il casco, ma è stato abbandonato.

Anche la questione dell’assicurazione per gli scooter elettrici di proprietà privata è stata messa sul dito lungo, e tornerà in discussione il prossimo maggio.

Agli utenti di e-scooter è vietato trasportare passeggeri – norma ampiamente violata a Roma – reato punibile con una multa di 50 euro.

Quali altri cambiamenti?

Ci sono nuove regole per l’attraversamento dei pedoni: i pedoni dovrebbero avere la precedenza non solo se sono già sulle strisce pedonali, ma anche se stanno per attraversare.

La multa per l’utilizzo del cellulare durante la guida è stata estesa anche a chi toglie le mani dal volante per utilizzare laptop, tablet o altri dispositivi elettrici.

I motociclisti saranno multati se il loro passeggero, anche minorenne, non indossa il casco.

Sono state aumentate le sanzioni per il parcheggio abusivo di auto elettriche in aree designate o nei parcheggi rosa riservati alle donne incinte e ai genitori con bambini di età inferiore ai tre anni.

READ  Appello prolungato dei compositori italiani alla musica da biblioteca "drammatica"

Gli automobilisti che occuperanno posti auto riservati ai disabili saranno multati da 168 a 672 euro e per tale reato dovranno attualmente affrontare sei punti di penalità sulla patente di guida.

Dal 1° gennaio 2022 i titolari di permesso per disabili potranno parcheggiare gratuitamente nei parcheggi a pagamento o nei parcheggi se lo spazio loro assegnato è occupato o non disponibile.

Altre modifiche al codice della strada appena aggiornato in Italia includono multe aumentate per gli automobilisti che gettano la spazzatura dai loro veicoli.

L’Italia ha anche introdotto misure per vietare la pubblicità sulle strade e nei veicoli che offendono donne, omosessuali, gruppi etnici e religiosi o persone transgender, o identità di genere o orientamento sessuale.

Credito fotografico: Gennaro Leonardi / Shutterstock.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *