Lisa Thompson ritiene che i livelli di forma fisica potrebbero motivare la Scozia a battere l’Italia

Questa non è un’affermazione che puoi onestamente fare prima che la nazionale femminile abbia giocato diverse partite in sei paesi negli ultimi anni, ma questa volta hanno buone ragioni per credere a quello che serve per battere l’Italia in Scozia.

Uno dei motivi è la forma comparativa delle due squadre. Entrambi hanno perso contro l’Inghilterra al campionato di quest’anno, motivo per cui questa partita determinerà chi finirà secondo nella Pool A e chi si classificherà il terzo posto il prossimo fine settimana contro l’Irlanda o la Francia. (Se la partita è un pareggio, per inciso, la Scozia avanzerà di punti di differenza).

Ma nonostante la sconfitta contro la Scozia, 52-10, la loro partita a Doncaster è durata. Al contrario, l’Italia, che ha iniziato brillantemente in Birmania, è sbiadita male e ha perso 67-3.

In altre parole, delle risorse limitate di cui disponiamo, la Scozia è una squadra più in forma rispetto agli avversari. “Continuiamo a dire che siamo la migliore squadra che abbia mai giocato per la Scozia”, ​​ha detto Lisa Thompson fuori dal centro giovedì. “Allora ci siamo semplicemente accorti [against England in] Lo mostreremo di nuovo nella seconda metà, ma per tutti gli 80 minuti questo fine settimana.

“Dobbiamo iniziare bene e sperare di poter continuare. Ci siamo allenati molto duramente da agosto e tutti sono così entusiasti di giocare di nuovo.

“Siamo stati lenti ad iniziare il primo tempo due settimane fa. Ovviamente abbiamo dovuto giocare dal primo fischio perché sapevamo che l’Italia era un gruppo aggressivo e ci sarebbe arrivato in quei primi 20 minuti. Hanno grandi portatori di palla e affronterà più duramente.
Prova a scuotere la palla, quindi dovrebbe esserci la nostra pausa offensiva. ”

READ  Le infezioni si ripresentano dopo 6 settimane. Dieci aree rischiano di essere schiacciate

Thompson è anche lei una portatrice di palla piuttosto forte, e le sue mosse da 12 a 13 questa settimana dovrebbero darle più spazio per attaccare. Helen Nelson è passata da 10 a 12, per sopperire in qualche modo all’assenza di Hannah Smith fuori, ma per accogliere Sarah Law.

Sebbene abbia giocato molto a rugby nel mediano di mischia, La, che sta tornando da un lungo infortunio, è adatto a giocare in piedi grazie alle sue capacità di gestione del gioco – Thompson crede che nessuno sia secondo a nessuno.

“È molto bello riavere Slaw”, ha detto. “Il suo cervello non è come quello di nessun altro. Legge bene il gioco e ha molte buone idee. È emozionante riaverla in campo. ”

Ovviamente La avrà bisogno di una palla decente dal suo branco se vuole sfruttare al meglio il suo talento, e in quel caso anche i presagi sono buoni. Come suggerito dall’allenatore Brian Eason dopo aver nominato la sua squadra, le prospettive della Scozia hanno fatto progressi significativi sul set negli ultimi tempi. Emma Vassel è un comandante in formazione, Lana Skelton è al centro di una forte linea del fronte e nel complesso il branco è ben trafitto.

Inoltre, anche senza folla, la Scozia offre ancora vantaggi in casa alla squadra. Quindi oggi stanno succedendo molte cose a loro favore.

Tuttavia, dopo tutto, non solo Smith, ma anche Rachel Malcolm, si è infortunato e sostituito come capitano da Nelson. Il gioco back-to-back di Malcolm è importante per possedere la squadra, ma la sua leadership è inestimabile. Perderà e aiuterà altri musicisti senior ma meno vocali come Thompson a compensare la sua assenza.

READ  Kluchevsky è il numero uno possibile, ma ...

Ovviamente l’Italia non è qui solo per generare numeri. Hanno perso contro la Scozia solo una volta negli ultimi dieci anni – a Broadwood nel 2017 – e giocatori come la mediana di mischia senior Sarah Bartin danno loro una carriera difficile, che a volte manca agli scozzesi.

Quindi sì, la Scozia può vincere e lo faranno se si renderanno giustizia. Ma se iniziano lentamente, non importa quanto siano in forma, possono lasciarsi al punto in cui non possono farlo in seguito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *