L’Iran invia una nave da guerra in una rara missione nell’Atlantico tra speculazioni sul Venezuela | Iran

La televisione di stato iraniana ha riferito che un cacciatorpediniere iraniano e una nave di supporto stanno ora navigando nell’Oceano Atlantico per una rara missione lontano dalla Repubblica Islamica, tra le speculazioni che le navi potrebbero essere dirette lì. Venezuela.

Il cacciatorpediniere Sahand e la nave per la raccolta dati hanno lasciato Makran il mese scorso da IranGiovedì, l’ammiraglio Habibullah al-Sayari, vice comandante dell’esercito iraniano, ha dichiarato al porto meridionale di Bandar Abbas. Ha descritto la missione come la crociera iraniana più lunga e impegnativa fino ad oggi, senza entrare nei dettagli.

La televisione di stato iraniana ha rilasciato una breve clip del cacciatorpediniere mentre navigava attraverso i mari agitati dell’Oceano Atlantico. Il video è stato probabilmente ripreso da Makran, una petroliera commerciale convertita con una piattaforma di lancio mobile per elicotteri.

“La Marina sta lavorando per migliorare la sua capacità di navigazione e dimostrare la sua resistenza a lungo termine in mari sfavorevoli e condizioni meteorologiche sfavorevoli nell’Oceano Atlantico”, ha affermato Al-Siyari, aggiungendo che le navi da guerra non riceveranno altri porti durante la missione.

Le immagini di Maxar Technologies datate 28 aprile sembrano mostrare sette navi da attacco rapido iraniane normalmente associate alle Guardie rivoluzionarie paramilitari sul ponte Makran. Le immagini satellitari di Planet Labs, Inc., indicano che ha lasciato un porto a Bandar Abbas dopo il 29 aprile. Non si sa esattamente dove siano ora Al Makran e Destroyer.

Alla fine di maggio, il sito web di Politico ha citato funzionari anonimi che hanno indicato che la destinazione finale delle navi potrebbe essere il Venezuela. L’Iran mantiene stretti legami con il presidente venezuelano Nicolas Maduro e ha spedito benzina e altri prodotti nel paese nel mezzo di una campagna di sanzioni statunitensi contro Caracas affamata di carburante. Si ritiene che il Venezuela abbia pagato l’Iran, sotto le proprie sanzioni statunitensi, per le spedizioni.

READ  Mining tycoon Benny Steinmetz was found guilty in the Swiss corruption trial

Durante una conferenza stampa il 31 maggio, il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Saeed Khatibzadeh ha rifiutato di dire dove sia diretto Makran.

“L’Iran è sempre presente nelle acque internazionali e ha questo diritto in base al diritto internazionale, e può essere presente nelle acque internazionali”, ha affermato. Nessun paese è in grado di violare questo diritto e avverto che nessuno fa calcoli errati. Chi siede nelle serre dovrebbe stare attento”.

La nave da attacco veloce Makran è il tipo che le Guardie usano nei loro tesi scontri con le navi da guerra statunitensi nel Golfo Persico e lo Stretto di Hormuz nello Stretto di Hormuz. Non è immediatamente chiaro quali siano i piani del Venezuela per queste navi.

“Se le barche vengono consegnate, potrebbero costituire il nucleo di una potenza di guerra asimmetrica all’interno delle forze armate venezuelane”, ha affermato l’Istituto navale degli Stati Uniti in un’analisi pubblicata in precedenza. Questo potrebbe concentrarsi sull’interruzione della navigazione come un modo per contrastare le flotte superiori. Le rotte marittime da e per il Canale di Panama sono vicine alla costa venezuelana”.

All’inizio di questo mese, gli incendi hanno affondato la più grande nave da guerra dell’Iran, la Kharg di 207 metri (679 piedi), che è stata utilizzata per rifornire altre navi della flotta in mare e condurre esercitazioni. I funzionari non hanno fornito alcuna ragione per l’incendio, che ha seguito una serie di misteriose esplosioni iniziate nel 2019 e che hanno preso di mira navi mercantili nei corsi d’acqua del Medio Oriente.

Il viaggio straordinario viene prima Elezioni presidenziali iraniane del 18 giugno, che vedrà gli elettori scegliere il successore dell’attuale presidente relativamente moderato, Hassan Rouhani.

READ  Le famiglie delle vittime del volo MH17 chiedono giustizia "Sono pieno di sentimenti di vendetta" Volo Malaysia Airlines MH17

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *