L’investimento italiano di Conor McGregor in DJ potrebbe richiedere “fino a due anni”, afferma l’avvocato della vittima

L’avvocato della vittima ha affermato che l’indagine sulla presunta aggressione di Conor McGregor a un famoso dj italiano potrebbe richiedere due anni.

Secondo quanto riferito, il nativo di Crumlin ha preso a pugni in faccia Francesco Faccenti (42) e si è rotto il naso mentre era in visita a Roma lo scorso ottobre.

Secondo il team legale di Facchinetti, sarebbe in corso un’indagine.

Il combattente dell’UFC si è recato a Roma l’anno scorso per battezzare in Vaticano suo figlio di cinque mesi Ryan.

Facchinetti è meglio conosciuta per il suo presentatore italiano di X-Factor e ha anche interpretato un giudice nella versione country di The Voice.

L’italiano ha affermato che l’attacco del due volte campione dei pesi massimi UFC è stato “ingiustificato e inaspettato”.

Il DJ ha affermato che 10 testimoni, i suoi amici e le guardie del corpo hanno visto l’incidente in quel momento.

Tre giorni dopo è stata presentata una denuncia ufficiale alla polizia italiana.

Il DJ ha anche affermato che nemmeno 10 milioni di euro lo costringerebbero a ritirare la denuncia contro Dublino.

Secondo l’avvocato di The Star Facchinetti, Matteo Sergio Calori, le indagini della polizia italiana potrebbero “prendere fino a due anni”, e tutto ciò che possono fare è aspettare.

“Le indagini preliminari secondo la legge italiana potrebbero richiedere fino a due anni”, ha detto ieri Matteo Sergio.

Ha aggiunto che non sapeva a che punto fossero arrivate le indagini e tutto ciò che potevano fare era aspettare.

READ  Edimburgo rugby-Glasgow Warriors: entrambe le squadre potrebbero finire con un sacco di titoli in palio nel derby di Murrayfield

“Tutte le indagini italiane sono riservate, e quindi non possiamo fare altro, ma aspettiamo”, ha detto.

McGregor potrebbe rischiare una pena detentiva da tre mesi a tre anni in Italia se fosse accusato e condannato per l’aggressione.

Lo stato usa anche le multe e la reclusione come forma di punizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *