“L’Inter manda un messaggio al resto del campionato italiano con la vittoria per 3-2 sul Napoli”


Il giornalista italiano Luigi Garlando crede che l’Inter stia iniziando a mostrare il suo pieno potenziale con Simone Inzaghi e che questo abbia fatto impressione in ogni Serie A.

Il giornalista, che ha scritto nella sua rubrica pubblicata sull’edizione odierna della Gazzetta dello Sport milanese, ha sottolineato l’importanza della vittoria di ieri sul Napoli nel dimostrare che i nerazzurri sono in piena scudetto.

L’Inter sapeva che tre punti contro la Partenope sarebbero stati fondamentali, visto che aveva la possibilità di superare i quattro punti dei calabresi e dei rivali del Milan, che aveva perso per la prima volta nella stagione precedente.

Inzaghi è stato all’altezza della situazione con una prestazione impressionante che è stata troppo per Partenopei, anche con un aumento tardivo che ha fatto sì che i nerazzurri apparissero lontani dal riposo alla fine della ventina di minuti della partita.

“La prestazione dell’Inter ha mostrato a tutti di cosa è capace, in termini di qualità del proprio gioco, anche se il drammatico finale ha chiuso le acque”, ha scritto Garlando.

“Alla luce dei diversi momenti chiave e del finale che ha reso più difficili le sostituzioni, che ha spinto Spalletti e si è ritorto contro Inzaghi, possiamo fare un confronto equo tra le due squadre”, ha detto.

E aggiunge: “Se lasciamo che la polvere si depositi, possiamo vedere chiaramente che l’Inter ha meritato di vincere, perché era superiore al Napoli. Più di quanto ci aspettassimo. Non solo per difendere e rispondere, non solo in termini fisici”.

Garlando conclude che “l’Inter ha colpito il centrocampo più forte del campionato senza subire pressioni. L’impronta digitale di Simon Inzaghi sta diventando sempre più riconoscibile. Questo è stato il messaggio dell’Inter alla Serie A”.

READ  Alex Samuel è tornato all'ovile per il lavoro italiano per gli scozzesi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *