LinkedIn deve affrontare un’indagine dopo la fuga di dati personali

Il sito LinkedIn di Microsoft sta affrontando un’indagine da parte del controllo della privacy italiano dopo che i dati personali, inclusi nomi utente e numeri di telefono, sono trapelati.

L’autorità italiana ha dichiarato in una dichiarazione giovedì scorso di aver avviato un’indagine dopo “la pubblicazione dei dati degli utenti, inclusi identificativi, nomi completi, indirizzi e-mail e numeri di telefono”.

L’organizzatore ha detto che l’Italia ha uno dei più grandi iscritti a LinkedIn in Europa e ha invitato gli utenti interessati a “prestare particolare attenzione a qualsiasi anomalia” relativa ai loro numeri di telefono e account.

“Questa non è stata una violazione dei dati di LinkedIn e i dati dell’account di un membro LinkedIn privato non sono stati inclusi”, ha affermato la società in una nota.

“Quando qualcuno cerca di prendere i dati dei membri e usarli per scopi che LinkedIn ei nostri membri non hanno concordato, lavoriamo per fermarli e renderli responsabili”, ha detto la società.

La mossa italiana arriva dopo che l’autorità per la privacy irlandese ha dichiarato di aver esaminato la fuga di dati personali di oltre mezzo miliardo di utenti di Facebook durante il fine settimana.

Il regolamento generale sulla protezione dei dati dell’Unione europea è entrato in vigore nel maggio 2018, aprendo la strada alle autorità nazionali della regione per imporre multe alle aziende che violano le regole fino al 4% delle vendite annuali. Bloomberg

READ  AT&T si è ramificata da DirecTV, AT&T TV Now e U-Verse in una nuova società

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *