L’ingresso dell’Olanda in Eurovision ha segnato il Black Lives Matter.

Jango McCroy, entrando nei Paesi Bassi, sale sul palco per cantare “The Birth of a New Age”, una canzone che è stata formulata in risposta all’uccisione della polizia George Floyd e alla rinascita del movimento Black Lives Matter in tutto il mondo.

La canzone influenzata dal gospel inizia, salutando i manifestanti che hanno chiesto giustizia per Floyd l’anno scorso, “Complexion as Rich as Starlit Night / Your Rhythm is Rebellion”.

Nel coro, Macroe passa dall’inglese allo sranan tongo, la lingua del suo nativo Suriname, un paese sudamericano che un tempo era una colonia dei Paesi Bassi. “Yu no man broko mi” canta più e più volte, “Non puoi spezzarmi.”

Eurovision è noto per le canzoni che prendono posizione su questioni sociali o politiche. Nel 1971, la tedesca Katia Epstein cantò “Diese Welt” (“This World”), una canzone a favore dell’ambiente che all’epoca era drastica. Più di recente, le azioni hanno spinto per i diritti di gay, lesbiche e transgender in Europa.

Quindi è bello vedere Macroe continuare questa tendenza, anche se, sfortunatamente, non ha quasi nessuna possibilità di vincere. Pochi paesi hanno vinto l’Eurovision due volte di seguito. L’Irlanda ha vinto tre volte negli anni ’90, ma la terza volta era disperata per non vincere di nuovo. Il vincitore ospiterà uno spettacolo il prossimo anno e ha iniziato a commissionare.

READ  La Georgia apre le indagini sugli sforzi di Trump per cancellare i risultati delle elezioni | Donald Trump

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *