L’infortunio “intrattabile” di Rafael Nadal lo ha colpito dal 2005, nonostante il clamoroso successo | tennis | gli sport

Nadal era in vantaggio per 6-1 nella sua partita del terzo turno contro il numero 16 del mondo giovedì, ma ha iniziato a lottare con il piede a metà del secondo set e alla fine ha perso 1-6, 7-5, 6-2. Dopo essere stato sconfitto, ha detto: “Non sono infortunato, sono un giocatore infortunato”.

La sua agonia fisica è arrivata pochi giorni dopo aver ammesso che il suo problema al piede era incurabile quando un giornalista ha espresso preoccupazione per il suo zoppicare dopo la sua vittoria in tre set su David Goffin a Madrid la scorsa settimana. “Ho un infortunio al piede cronico per il quale non esiste una cura. Questo fa parte della mia vita”, ha ammesso, riferendosi alla sindrome di Muller-Weiss.

La sindrome di Muller-Weiss è un dolore cronico nella parte centrale del piede che ha un impatto significativo sull’osso scafoide, necessario nel tennista per un movimento vigoroso sul campo. L’impatto su Nadal è iniziato 17 anni fa, in una stagione di successo quando vinse Barcellona, ​​Monte Carlo, Roma e il suo primo titolo Open di Francia.

APPENA IN: Djokovic sotto pressione per aumentare il record di follia a Roma dopo la sconfitta di Nadal

All’età di 18 anni, Nadal sentì per la prima volta qualcosa al piede sinistro durante l’Open di Madrid di quell’anno, facendolo faticare a camminare. Suo zio, ex calciatore del Barcellona, ​​ha portato Miguel Ángel Nadal, quarto al mondo, da uno specialista di calcio che conosceva dai tempi in cui giocava per il club spagnolo, ma il problema non è stato diagnosticato.

READ  deplorevole! Ashley Barty si ritira a metà partita e Coco Gove si qualifica per le semifinali dell'Open d'Italia 2021

Il 21 volte campione in carica ha parlato della sua prima diagnosi di sindrome di Muller-Weiss nella sua autobiografia del 2011, che è arrivata due mesi dopo aver visto il suo primo specialista, e lo ha lasciato terrorizzato di essere costretto al ritiro a soli 19 anni. Il problema, lo specialista ha emesso il suo verdetto.

“Può darsi, ha detto, che non potrò mai più giocare a tennis agonistico. Potrei essere costretto a ritirarmi, a diciannove anni, dal gioco in cui ho investito i sogni della mia vita. Sono crollato e Abbiamo pianto tutti. Ma ha gestito il problema per tutta la sua carriera utilizzando delle solette speciali, anche se negli ultimi anni è diventato ovviamente difficile affrontare questo problema.

non perdere
Djokovic esaudisce il desiderio di Stan Wawrinka dopo aver battuto la Svizzera agli Open d’Italia
La Russia ringrazia le stelle per essersi opposte al divieto di Wimbledon e all’attentato a Svitolina
Djokovic batte il vecchio rivale Wawrinka per raggiungere i quarti di finale dell’Open d’Italia

Dopo aver perso la semifinale degli Open di Francia 11 mesi fa, Nadal ha giocato solo altre due partite durante l’anno a causa di un infortunio cronico al piede e ha persino subito una procedura medica per affrontare il problema nonostante non ci fosse alcuna cura. Ma ha dimostrato di poter ancora recuperare da un infortunio continuo quando è arrivato a Melbourne a gennaio ed è riuscito a vincere il 21esimo Grande Slam record.

Anche durante la sua corsa verso il titolo degli Australian Open, Nadal ha ammesso che meno di due mesi fa non sapeva se sarebbe stato in grado di tornare di nuovo sul campo da tennis. Sta ancora puntando al titolo degli Open di Francia dopo la sua recente battuta d’arresto a causa di un infortunio cronico, dicendo dopo aver perso contro Shapovalov: “È ancora l’obiettivo. [It’s] Tra una settimana e due giorni sognerò ancora quel traguardo”.

READ  Acquisizione Chelsea: Steve Pagliuca ha rotto il silenzio sulla sua voglia di acquistare il club

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *