L’indagine sulla mafia italiana potrebbe denunciare una massiccia frode dell’UE – POLITICO

Messina, Italia – Più di un centinaio di sospetti mafiosi e loro alleati sono sotto processo in un tribunale in stile bunker costruito in una prigione accusato di aver frodato l’UE di milioni di euro.

Per la prima volta è previsto il cosiddetto maxi-test per ristrutturare il sistema integrato parola Le bande ei loro alleati puntano a 55 miliardi di dollari in sussidi agricoli che l’UE paga ogni anno.

È uno schema che secondo i funzionari coinvolge non solo bande ma anche contabili, politici e dipendenti del governo, portando a un furto di fondi agricoli dell’UE per almeno 10 milioni di dollari. Questo è un momento che riflette la diversificazione delle organizzazioni criminali nel sud Italia, dove i gruppi stanno uscendo dalle pratiche tradizionali di droga ed estorsione e attingendo a flussi di reddito più redditizi e meno rischiosi, compresi i sussidi dell’UE per sostenere gli agricoltori.

Con 97 imputati, 90 avvocati e 1.000 testimoni, il procedimento durerà almeno un anno e molti testimoni di stato sono pronti a infrangere il loro codice Omarda o MN. Martedì, quando è iniziato il processo, ci è voluta più di un’ora prima che gli imputati fossero convocati con accuse tra cui frode, false dichiarazioni, estorsioni, costituzione di società false per profitti illeciti, traffico di droga e furto di bestiame.

Nell’atto di accusa prima del processo, è stato affermato che “una grave frode”, sfruttando i fondi dell’UE su larga scala e in pieno. “Questo è quanto dichiara il documento”, un evento catastrofico, una mafia pronta a impadronirsi dell’Europa con mezzi illegali, e un [Italian] Stato che è già alle spalle e gioca in difesa. ”

Seduto in tribunale, il senatore italiano Mario Giarasso, un importante attivista antimafia, ha fatto eco al momento, definendolo “straordinario e simbolico”.

Attraverso le indagini, ha detto, il pubblico può ora “ricostruire i meccanismi utilizzati a dovere dalla mafia e dai colletti bianchi”. Ha aggiunto che ciò riflette un cambiamento significativo nel modo in cui i tribunali italiani trattano le frodi.

Fino ad ora, affermare che le sovvenzioni dell’UE erano improprie era considerata una semplice frode in Italia, spesso in gran parte impunita a causa di azioni legali. Ma ora che i pubblici ministeri lo stanno affrontando come un piano di gang, le rigide leggi antimafia italiane fanno sì che alcuni imputati rischiano fino a 25 anni di carcere.

READ  Attenzione ad aprire questo nuovo messaggio WhatsApp che ingannare tutti

Il “sistema integrato e organizzato” della frode sui sussidi – questa è la novità chiave rivelata in questo esperimento, ha detto Giarasso.

La causa è stata probabilmente finanziata da un calo di 209 miliardi di dollari in Italia che dovrebbe far parte del fondo di recupero post-epidemia dell’UE. Sebbene questo caso possa mettere in guardia il pubblico esponendo la profondità del parassita dell’UE in Italia, può anche servire come un’opportunità per mostrare ai leader dell’UE che il paese è seriamente intenzionato a prevenire ulteriori criminali.

Quattro anni di produzione

Questa massiccia incursione pubblica è il culmine di un’indagine di quattro anni che è esplosa alla vista del pubblico 13 mesi fa, quando circa 1.000 agenti di polizia hanno fatto irruzione su membri della mafia sospetti 13 mesi fa.

I detenuti hanno intrapreso i passi di due grandi clan mafiosi: Pattanese e Pontembo Squei. Entrambi i gruppi si distinguono per i loro soprannomi colorati. “Il Padrino” presenta Blondie, Banger e Vito Corleone, dal nome del personaggio di Marlon Brando. Il capo del clan patanese era Sebastiano ‘Swagger’ Pontembo.

Il mandato di cattura afferma che le famiglie mafiose sono “caratterizzate da forti legami familiari, violenze e brutalità” incentrate sui Monti Neprodi, un’area protetta di 860 chilometri quadrati.

I due clan condividono il potere nel villaggio di Tordorici, città natale dell’attentatore che ha ucciso il martire più famoso d’Italia, l’avvocato antimafia Giovanni Falcon.

Questa divisione del potere non ha sempre funzionato senza intoppi. Una sanguinosa guerra di terra è scoppiata negli anni ’80 e ’90, uccidendo più di 40 persone. Ma si dice che entrambi i gruppi abbiano messo da parte le loro differenze nel loro intento comune di frodare l’UE.

READ  Le esenzioni di blocco dell'Italia si pagano nei giochi

I pubblici ministeri affermano che entrambi i gruppi hanno ideato un piano per identificare le terre per le quali non è stato ancora richiesto il finanziamento dell’UE. Funzionari che lavorano nelle agenzie governative locali hanno aiutato a localizzare questi siti, accedendo ai database dei terreni in cambio di denaro. Il coordinamento con le autorità ha ridotto il rischio di richieste di sovvenzione duplicate per ogni appezzamento di terreno.

La mafia avrebbe quindi creato un falso contratto di locazione, o costretto il padrone di casa a firmare un contratto di locazione, per acquisire la terra, e spesso non si curava dell’agricoltura.

Alcune richieste finanziarie sono state presentate per terreni che non avevano terreni agricoli, o che erano effettivamente di proprietà o non affittati dai ricorrenti, inclusa un’altra che costruiva una ferrovia, secondo una cospirazione e un’accusa di proprietà della Chiesa cattolica. Altre aree di terra sospette utilizzate dalla Marina degli Stati Uniti per condurre comunicazioni satellitari includono

Eventuali disaccordi tra i due clan mafiosi su questi luoghi sono stati risolti attraverso la mediazione.

Dall’arresto, tre dei mafiosi accusati sono diventati testimoni di stato, secondo gli investigatori, fornendo nuove prove che la frode risale agli anni ’90.

In aula

Nonostante fosse sposato con un mafioso negli anni ’90, Pierre Aiello, un membro del parlamento che divenne un testimone per lo stato, era lì martedì per assistere all’inizio del processo.

Ayello è diventato un avvocato per coloro che collaborano con il sistema giudiziario, ma ha detto a Politico quanto possa essere difficile per chi guarda le gabbie all’interno dell’aula e fornisce informazioni al processo.

“Andare contro un mafioso è una cosa, ma andare contro 100?” Lei disse. “È un momento molto difficile guardarli negli occhi e puntare il dito contro la mafia. Ti batte il cuore”.

Le autorità in Italia si sono rese conto per la prima volta nel 2012 che i clan mafiosi stavano abusando delle sovvenzioni dell’UE quando Giuseppe Andosi, l’ex capo della regione di Nephrodi, ha imposto controlli sui precedenti sui richiedenti di fondi. La mossa ha trasformato Andosi in un bersaglio della mafia e ha affrontato un tentativo di omicidio nel 2016, il più alto attacco contro una persona aziendale dagli anni ’90.

READ  L'ex capitano dell'Italia Massimo Guttita è morto all'età di 54 anni

Andosi ora vive sotto una guardia armata 24 ore su 24, ma è comparso in tribunale martedì.

“Voglio vedere questa terra negli occhi di coloro che l’hanno tenuta in ostaggio per decenni”, ha detto.

Le vittime non sono solo l’UE e i contribuenti, ma anche la comunità e la gente del posto che stanno perdendo fondi – “agricoltori, giovani che vogliono avviare un’impresa, giovani che vogliono trovare un’opportunità per rimanere nella loro città natale”, ha detto. “I soldi dell’UE dovrebbero andare a queste persone”.

Gli avvocati degli imputati hanno affermato che i loro clienti si preoccupavano della loro innocenza, sostenendo di essere stati vittime di un errore giudiziario.

Alessandro Brutti Sierrelo, legale dei nove imputati, ha affermato che questi maxi processi sono “meno ragionevoli” per l’imputato perché la responsabilità di gruppo è stata stabilita senza provare il coinvolgimento specifico di ciascun individuo.

“Non devono mostrare responsabilità personale”, ha detto Sierrelo. “Spesso alcuni pesci grossi vengono liberati e alcuni pesci piccoli vengono condannati.”

Per la prima volta in Europa in questo modo, il test potrebbe servire da mappa per l’Italia e altre parti del paese.

Questa settimana il Comitato Verde al Parlamento Europeo ha rilasciato un rapporto Descrive l’uso improprio dei fondi agricoli europei in cinque paesi dell’Europa centrale e orientale. Il giornalista slovacco John Cusiak è stato ucciso nel 2019 mentre perseguiva la mafia italiana di Entrangeta per aver frodato l’Unione europea.

Gli investigatori concordano sul fatto che i loro risultati sono solo la punta dell’iceberg.

Il maxi-test, ha detto l’avvocato antimafia Giarasso, è stato “un monito” alla mafia: “Dimostra che possiamo combattere questo fenomeno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *