L’impero ETF di BlackRock e il futuro degli investimenti in ESG

BlackRock è una delle società finanziarie più influenti al mondo. Alla fine del terzo trimestre, aveva 9.464 trilioni di dollari di asset in gestione, diventando così il più grande asset manager del mondo.

Questa misura dà al CEO Larry Fink una voce negli sforzi internazionali per combattere il riscaldamento globale. Fink ha iniziato il contratto con una lettera agli azionisti che chiedeva una migliore gestione delle questioni ambientali, sociali e di governo societario.

Queste preoccupazioni derivano dalle conversazioni di BlackRock con i clienti di tutto il mondo. In una conferenza alla Banca d’Italia all’inizio di quest’anno, Fink ha affermato che l’applicazione degli standard di rendicontazione delle emissioni alle società pubbliche “avrà le conseguenze indesiderate di alimentare un contraccolpo contro le nostre grandi aziende, promuoverà una narrativa grande contro piccola e creerà una maggiore polarizzazione.” E più grande.”

Studiosi legali come Paul Mahoney dell’Università della Virginia affermano che la spinta per migliori standard ESG potrebbe andare oltre i limiti tipici della responsabilità fiduciaria.

“BlackRock, in particolare, è stato molto chiaro nei suoi messaggi che ritengono che l’utilizzo di ESG in tutto il proprio portafoglio li aiuterà a generare rendimenti migliori”, ha detto il professore di diritto alla CNBC.

Fink e il suo team hanno costruito il loro impero concentrandosi sulla gestione del rischio a lungo termine e sulla tecnologia. Ciò ha reso BlackRock una delle aziende più potenti al mondo in un periodo di tempo relativamente breve. Ora usano questa influenza per spingere le aziende pubbliche ad agire sulle questioni ESG.

Guarda il video qui sopra per vedere come BlackRock è salito ai vertici del mondo finanziario e ascolta i suoi piani per il futuro dell’economia globale.

READ  I mercati europei si dirigono verso un'apertura positiva, seguendo i guadagni altrove

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *