Libia: il nuovo premier ha chiesto all’Italia di aumentare la cooperazione sull’immigrazione

Il premier libico in carica Abdul Hamid Deepa ha dichiarato di voler rafforzare il “rapporto privilegiato” della Libia con l’Italia, concentrandosi in particolare sull’immigrazione.

Il 21 febbraio, il primo ministro libico entrante Abdul Hamid Deepa ha detto che i due nuovi governi di Roma e Tripoli dovrebbero rafforzare il loro “rapporto privilegiato”.

Il nuovo premier italiano, Mario Draghi, ha rivolto le sue congratulazioni a Tibepa e ha chiesto legami più stretti, soprattutto nel documento sulla migrazione. Ha aggiunto che la Libia avrebbe bisogno di quanto più aiuto possibile da alleati come l’Italia in quanto deve affrontare un periodo di transizione turbolento.

Domenica, il ministro dell’Interno libico Bati Pashaka è sfuggito a un’imboscata di uomini armati sulla sua moto.

Il documento sulla migrazione è una priorità per Italia e Libia

Gestire il flusso quotidiano di migranti e rifugiati che cercano di attraversare il Mediterraneo per raggiungere l’Europa è uno dei documenti chiave del nuovo governo libico guidato dal Tibet.

Il governo di nuova nomina cercherà di unire il paese e di supervisionare le elezioni di dicembre.

La questione è importante anche per Tracy, che ha sottolineato che la vasta regione del Mediterraneo era “parte di un naturale interesse primario per l’Italia” quando ha presentato al parlamento il piano del suo governo la scorsa settimana.

Il primo ministro italiano dovrebbe usare il suo impegno per ristrutturare le responsabilità in Europa per perseguire un obiettivo che è sfuggito ai suoi predecessori: mettere da parte il regolamento di Dublino, che costringe i paesi di primo ingresso ad assumersi la responsabilità dei rifugiati.

Tracy preferisce la politica europea, non gli accordi bilaterali

Fonti note affermano che la politica europea di rimpatrio, che tutela i diritti dei rifugiati che non hanno il diritto di chiedere asilo, sarà “critica” per Drake.

READ  Santa Lucia per aprire un nuovo ristorante italiano in città d'affari

L’esperienza mostra che gli accordi bilaterali con i paesi in partenza non sono molto efficaci. Un esempio è la Libia.

Le aziende di Tripoli sono, infatti, troppo deboli per garantire politiche migratorie efficaci. Il paese è stato profondamente scioccato dalla guerra civile durata un anno e mezzo tra Oriente e Occidente. Un accordo concordato in ottobre è così fragile che decine di migliaia di soldati stranieri sono ancora di stanza alle due estremità.

Le tensioni sono aumentate quando un veicolo blindato ha colpito il veicolo di un ministro degli interni del governo uscente, Pathi Pashaka, su un’autostrada vicino a Tripoli.

Pashaka è una figura potente in Libia, portavoce della Turchia nel conflitto con Russia ed Egitto, sebbene non ne sia immune.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *