L’horror austriaco dà un gradito risveglio ai record italiani

Potrebbe non essere stato un artista italiano d’epoca, ma ha continuato la sua brillante carriera sotto Mancini

Alla fine della serata, al Camp Italia tutto sorrideva.

Ma dietro il sorriso raggiante di Federico Chiesa o l’espressione rilassata dell’allenatore Roberto Mancini, c’era la consapevolezza che la partita degli ottavi di finale di Euro 2020 con l’Austria era molto vicina al conforto.

Pochi si sarebbero aspettati che l’Austria avrebbe combattuto una grande battaglia contro gli Azzurri, che hanno superato la fase a gironi, vincendo tutte e tre le partite senza subire gol.

Ma l’Italia ha pareggiato 0-0, e il VAR lo ha ringraziato per aver segnato il gol di Marco Arnautovic per fuorigioco nella ripresa prima che i subentrati Chiesa e Matteo Pesina segnassero 2-1 nei tempi supplementari.

Potrebbe non essere stato un artista italiano d’epoca, ma ha continuato la sua brillante carriera sotto Mancini.

L’Italia ha stabilito un nuovo record nazionale di 31 partite senza sconfitte, che si estende fino a settembre 2018, registrando un record di 12 vittorie consecutive.

Hanno subito un ultimo gol dopo 1.168 minuti (19h28) dopo la morte, ma il portiere Gianluigi Donnarumma ha comunque battuto il precedente record italiano di 1,143 minuti di porta inviolata di Dino Zoff.

La scarsa prestazione dell’Italia non ha fermato l’entusiasmo che è cresciuto nel Paese da quando ha aperto Euro 2020 con una vittoria per 3-0 sulla Turchia a Roma.

La prima pagina della Gazzetta dello Sport ha dichiarato la squadra “Leoni d’Italia”, mentre il Corriere dello Sport ha lanciato un appello ai giocatori: “Non svegliateci!”

Ma al di là dell’hype, c’è la convinzione che la paura dell’Italia possa essere utile per il resto del torneo, visto che i quarti di finale arriveranno la prossima volta contro il Belgio o il Portogallo.

READ  Notizie di trasferimento del Liverpool: uscita di Robert Lewandowski, sciopero di Harvey Barnes, condizione di Erling Haaland

“Vittorie come questa aiutano la squadra a crescere, trovare più fiducia in se stessi e realizzare il proprio potenziale. Claudio Ranieri, ex allenatore del Leicester City vincitore della Premier League, ha detto alla Gazzetta dello Sport.

I sentimenti sono stati condivisi all’interno della squadra.

Sapevamo che non era facile. Facciamo bene a non mollare, soprattutto nei momenti difficili. “Questo ci aiuterà a essere migliori quando affronteremo le nostre prossime partite”, ha detto Donnarumma.

Mancini è arrivato persino a dire che secondo lui gli austriaci hanno avuto un test più duro di quello che affronteranno nel prossimo turno contro un candidato al torneo.

Il tempo lo dirà, ma per ora l’Italia continua a crederci più che mai dopo aver dimostrato di poter vincere a proprie spese.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *