L’ex presidente dell’UE Donald Tusk eletto leader del partito di opposizione in Polonia | Polonia

Ex Presidente dell’Unione Europea ed Ex Primo Ministro Donald Tusk Fu eletto capo del partito più potente della frammentata opposizione polacca.

Tusk, 64 anni, ha affermato di essere tornato alla politica polacca e al partito di opposizione Piattaforma civica per aiutare a combattere il “male” dell’attuale governo di destra.

Tusk ha co-fondato la Piattaforma Civica, un partito centrista liberale, nel 2001. Ha governato Polonia per otto anni – la maggior parte del tempo con Tusk come primo ministro – prima che l’attuale squadra conservatrice prendesse il potere nel 2015.

“So che molti polacchi stavano aspettando che questo sogno oscuro finisse”, ha detto Tusk dell’attuale governo PiS che ha messo la Polonia in rotta di collisione con l’Unione Europea.

“Oggi in Polonia regna il male e noi siamo pronti a combattere questo male”.

L’Unione europea e il suo tribunale hanno avviato un procedimento contro l’attuale governo polacco, affermando che le sue modifiche al sistema giudiziario e l’opposizione ad alcune decisioni dell’UE, anche sul reinsediamento dei migranti, sono contrarie ai principi del blocco di 27 nazioni.

Tusk ha affermato che il suo ritorno era dovuto alla convinzione che il programma civile fosse “essenziale come forza … che potrebbe vincere la battaglia con la legge e la giustizia sul futuro della Polonia”.

“Non c’è possibilità di vittoria senza il podio”, ha detto Tusk.

Ha affermato di avere anche un senso di responsabilità per il partito che ha fondato e guidato per molti anni prima di assumere la carica di Presidente del Consiglio dell’Unione europea nel 2014.

L’attuale governo Law and Justice e due partner junior continuano a guidare i sondaggi di opinione grazie ai generosi bonus familiari e alle politiche conservatrici che fanno appello alla maggioranza cattolica della comunità.

READ  L'Algeria arresta 22 sospetti in incendi mortali | Notizie sui cambiamenti climatici

Ma le pressioni dell’accumulo di disaccordi con l’Unione europea e una lotta interna per il potere e l’influenza stavano chiaramente minando l’unità e la lealtà nella coalizione, che di recente ha perso la maggioranza in Parlamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *