L’ex presidente della Banca centrale europea accetta il mandato per formare il governo, il governo e l’economia dell’Italia

Giovedì 4 febbraio 2021 5:50

Roma

L’ex presidente della Banca centrale europea Mario Draghi ha accolto la richiesta del capo di stato italiano di provare a formare un governo che affronti la duplice emergenza della pandemia di Coronavirus e della devastante recessione.

Draghi, che aveva svolto un ruolo fondamentale nel guidare l’Europa fuori dalla crisi del debito sovrano, ha assunto il mandato del presidente del Consiglio a condizioni – una procedura normale nella politica italiana – dopo l’incontro con il capo dello stato Sergio Mattarella al palazzo presidenziale A Roma.

Draghi ha dichiarato dopo l’annuncio: “Superare l’epidemia, completare la campagna di vaccinazioni, fornire risposte ai problemi quotidiani dei cittadini e rilanciare il Paese”. “Queste sono le sfide che dobbiamo affrontare”.

Il 73enne parlerà dei leader dei partiti politici mentre cerca di formare una maggioranza parlamentare più ampia possibile. Il primo ministro uscente, Giuseppe Conte, non è riuscito a provare a tornare dopo una piccola scissione degli alleati, e Mattarella si è trasformato in Draghi dopo aver avvertito l’Italia che non poteva fare campagna nella crisi attuale.

Draghi ha anche detto che l’Italia ha “risorse straordinarie” dall’Unione Europea da sostenere, e si è detto fiducioso che lo spirito di unità emergerà dai colloqui con i leader del partito.

Il rendimento delle obbligazioni italiane a 10 anni è sceso di otto punti base allo 0,57 per cento, dopo essere sceso in precedenza allo 0,54 per cento, mentre lo spread di riferimento per le obbligazioni BTP era a 105 punti base rispetto al minimo quinquennale di 102 punti alla volta ex.

READ  US stock futures rose slightly after Monday's record jump

I partiti del Paese sono divisi su un governo guidato da Draghi. Può contare sull’appoggio del Partito Democratico di centrosinistra, la seconda forza dell’ex coalizione Conte, e di gruppi centristi filo-europei. Anche il partito di centrodestra Forza Italia, guidato dall’ex premier Silvio Berlusconi, può appoggiarlo, nonostante la spaccatura dei legislatori.

Matteo Salvini, leader della Lega anti-immigrati, il più grande partito del blocco di centrodestra, ha lasciato la porta aperta al governo di Draghi.

Ha detto che la priorità per l’Italia dovrebbe essere quella di evitare aumenti delle tasse e ha ribadito la sua richiesta di elezioni anticipate a maggio o giugno.

Ma il Movimento Cinque Stelle, la più grande forza in Parlamento e principale sostenitore di Conte nel precedente governo, ha rifiutato di sostenere Draghi. Vito Karimi, il leader politico del gruppo nato come forza anti-establishment, ha detto che precedenti amministrazioni guidate da tecnocrati avevano creato “conseguenze estremamente negative per i cittadini italiani”.

Tuttavia, il frammentato cinque stelle potrebbe trovarsi diviso sulla questione, poiché alcuni legislatori probabilmente accetteranno di sostenere Draghi.

Se Draghi verrà insediato come primo ministro, il suo programma sarà dominato dalla pandemia – che ha ucciso quasi 90.000 persone in Italia – e da una vacillante campagna di vaccinazioni. Dovrà anche fare i conti con un’economia indebitata che si è ridotta del 2 per cento nel quarto trimestre del 2020, la peggiore performance tra le principali nazioni europee.

Altro punto chiave all’ordine del giorno: come gestire e spendere la quota di 209 miliardi di euro (335 miliardi di dollari di Singapore) del pacchetto di recupero dell’Unione Europea, tema che ha spinto l’ex premier Matteo Renzi a fermare il governo di Conte.

READ  Apre l'ufficio FPO di Hadid presso l'Aeroporto della Riviera Ligure

Draghi, un economista esperto, è accreditato di aver sostenuto l’euro al culmine della crisi del debito nel 2012 con il suo discorso “qualunque cosa serva”. È iniziato con il programma di quantitative easing per gli acquisti di debito sovrano, che è stato successivamente ampliato fino a diventare un importante strumento a sostegno dell’economia europea durante la pandemia.

Ha concluso i suoi otto anni come capo della Banca centrale europea nel 2019 e da allora gli esperti hanno continuato a speculare se avrebbe preso in considerazione un ruolo nella politica italiana. Bloomberg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *